don Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 20 Marzo 2022

151

- Pubblicità -

LASCIALO ANCORA QUEST’ANNO

Le letture di questa terza domenica si intrecciano sul tema della conversione, parola chiave del tempo quaresimale. Due fatti tragici vengono portati alla luce nel testo del Vangelo: la brutale repressione di Ponzio Pilato contro i giudei durante una celebrazione religiosa (“il sangue mescolato con quello dei sacrifici”) e la rovinosa caduta della torre di Siloe che uccide diciotto persone. Gesù non interpreta questi fatti con gli schemi comuni del destino e della fatalità, ma come un invito alla conversione: “se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo”.

Siamo tutti come il fico della parabola: senza frutti, sterili, vuoti. Nonostante i nostri propositi, siamo strapieni di foglie e rami, ma di frutti nemmeno l’ombra. Forse perché non abbiamo ancora preso seriamente le parole di Gesù, forse perché abbiamo paura o pensiamo che, in fondo, va bene anche così. O forse siamo di quelli che rimandano all’infinito, come se fossimo eterni e avessimo tutto il tempo dell’universo a nostra disposizione…

Le parole di Gesù sono un avvertimento chiaro: “Lascialo ancora un anno… se no lo taglierai”. Attenzione: la possibilità della conversione non è illimitata, questa parabola non è un insegnamento generale sulla pazienza di Dio, ma l’annuncio dell’importanza decisiva del presente come tempo della conversione e della salvezza. Il tempo della misericordia si dilata (ancora un anno!) per rendere possibile la tua conversione, non per rimandarla all’infinito (se no, lo taglierai!)

Quindi: adesso, ora, oggi è il tempo di mettere mano alla tua conversione, di guardarti allo specchio e provare a decidere da dove iniziare. Anche se sospetto che lo sai benissimo: sai qual è il punto critico della tua vita che devi raddrizzare, sai perfettamente cosa devi togliere o cosa devi aggiungere, chi devi allontanare o chi devi (ri)avvicinare. O mi sbaglio?

Coraggio, lànciati, non avere paura! Questo è il tempo della conversione!

Un abbraccio,
don Roberto


Don Roberto (prete missionario della Diocesi di Como) – Sito Web Fonte: il canale Telegram “Sulla Tua Parola“.

- Pubblicità -

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Marzo 2022
Articolo successivodon Massimiliano Scalici – Commento al Vangelo del 20 Marzo 2022