don Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 18 Luglio 2021

23

EBBE COMPASSIONE DI LORO

In una manciata di versetti, l’evangelista Marco ci offre la possibilitá di contemplare la compassione e la tenerezza del maestro. È come se Gesú fosse schiacciato tra due urgenze: da una parte, il riposo dei suoi che ritornano dalla missione e, dall’altra, la folla che lo cerca ansiosamente.

Il maestro si preoccupa per i suoi discepoli e li invita stare con lui, a riposare; li invita al silenzio per riordinare le parole dette e le parole ascoltate durante la missione. Mi affascina l’attenzione materna di Gesú verso i suoi discepoli: non li sprona a dare un bilancio esaustivo e completo dell’attivitá appena conclusa, ma li invita al riposo. Per Gesú, al centro, sempre sta la persona, non la sua attivitá o la sua responsabilitá.

Ma, allo stesso tempo, la gente lo cerca, la folla si mette in camino sui suoi passi. E Gesú non resiste, non puó sottrarsi. La compassione non è una virtú tra le altre, è la natura stessa di Gesú, è la sua essenza. Il maestro cambia i piani: lascia i suoi discepoli riposare tranquilli e si dedica alle pecore senza pastore.

Rileggo lentamente il brano di Vangelo e penso che tutti abbiamo davvero bisogno di imparare da Gesú l’arte della compassione e della tenerezza, imparare a cambiare i nostri piani, a mettere le persone al primo posto, a trasformare il nostro sguardo in un abbraccio pieno di vita e passione per ogni uomo e ogni donna che incontriamo nel nostro cammino.

Un abbraccio,
don Roberto


Don Roberto (prete missionario della Diocesi di Como) – Sito Web Fonte: il canale Telegram “Sulla Tua Parola“.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 18 Luglio 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 18 Luglio 2021