don Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022

141

- Pubblicità -

VINO BUONO

Solo il Vangelo di Giovanni racconta il segno delle nozze di Cana, il primo con il quale Gesù manifesta la sua gloria. Certamente è un segno insolito, inaspettato. Settimana scorsa Luca ha sorpreso i suoi lettori presentando Gesú sulle rive del Giordano in fila con i peccatori, oggi Giovanni ci stupisce presentandoci il maestro che rifornisce con seicento litri di vino un banchetto di nozze. Il quarto evangelista, narrando il primo segno pubblico di Gesú, lo presenta nel bel mezzo di una festa di nozze. Forse sarebbe stato piú consono presentarlo alle prese con una guarigione, un discorso o un esorcismo… Ma sappiamo che Gesú ama sorprendere.

C’è da dire che anche la festa di nozze presenta vari aspetti sorprendenti: gli sposi, infatti, non vengono nemmeno menzionati. E cosa ci fanno lì sei giare per la purificazione dei giudei? E come è possibile che in una festa di nozze ci si dimentichi di comprare il vino?
Questi indizi ci fanno intuire che Giovanni, in realtà, non ci sta presentando le nozze di una bella coppietta di Cana, ma quelle di Dio con l’umanità. Sí, proprio cosí: le nozze di Dio con la umanità. Gesú inaugura la nuova ed eterna alleanza nuziale tra Dio e il suo popolo con il dono sovrabbondante e smisurato del vino buono della grazia. Dalle giare di pietra piene d’acqua, simbolo della legge, i servi attingono vino spumeggiante, simbolo della festa, dell’amore e della grazia.

Seicento litri di vino sono il simbolo dell’abbondanza, dell’eccedenza dell’amore di Dio per il suo popolo. Lui non ci ama perché siamo belli, bravi o buoni; Lui non celebra le nozze con il suo popolo come premio per la nostra fedeltá e perseveranza. Se fosse per i nostri meriti, sarebbe giá scappato a mille chilometri di distanza. Lui ci ama perché è nostro Padre e noi siamo suoi. Lui ci ama. Punto.

Gesú, con il segno di Cana, inaugura la nuova logica della grazia. Non c’è nulla da conquistare, nulla da comprare. Il vino dell’eterna alleanza è gratis, è il vino buono e disarmante della gratuitá, è il vino dell’amore spillato dal costato di Cristo sul torchio della Croce.

Un abbraccio,
don Roberto


Don Roberto (prete missionario della Diocesi di Como) – Sito Web Fonte: il canale Telegram “Sulla Tua Parola“.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

- Pubblicità -

Articolo precedenteLuca Rubin – Commento al Vangelo di domenica 16 Gennaio 2022
Articolo successivodon Cristiano Marcucci – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022