don Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 14 Novembre 2021

82

CON GRANDE POTENZA E GLORIA

Ogni giorno facciamo l’esperienza drammatica del conflitto fra il bene e il male, percepiamo la fragilità e la bellezza dell’amore che ci abita, sentiamo in noi il desiderio di giustizia e di dignitá per tutti, mille domande ci abitano e ci inquietano. Oggi, mentre ci stiamo quasi preparando a chiudere questo anno liturgico, Gesú ci svela che la storia, quella del mondo, la mia, la tua, è nelle mani di Dio e l’ultima parola su di essa sarà il suo trionfo.

Tutto l’universo è lanciato verso il trionfo della Croce e della Resurrezione. Questo è il suo fine: la vittoria della vita donata per amore. La sua potenza e la sua gloria sono quella della debolezza della croce, dove il Figlio raggiunge il luogo piú lontano da Dio stesso, perché nessuno si senta piú lontano da lui.

Nulla andrà perduto. Nessun gesto d’amore sará dimenticato. La venuta del Signore non porterà distruzione, perché quella di Gesú, fino alla fine, è una buona notizia. I nostri poveri cuori masticati dalla vita non cadranno nel vuoto, ma saranno raccolti dal Veniente e consegnati nelle mani del Padre. Lui sa. Lui non dimentica. Non temere.

Ecco il legno piantato sulla collina.
Ecco il Germoglio a braccia spalancate.
É vicino.
É alla porta.
Forse sta già bussando…

Un abbraccio,
don Roberto


Don Roberto (prete missionario della Diocesi di Como) – Sito Web Fonte: il canale Telegram “Sulla Tua Parola“.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 14 Novembre 2021
Articolo successivodon Massimiliano Scalici – Commento al Vangelo del 14 Novembre 2021