don Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 14 Febbraio 2021

70

TESE LA MANO E LO TOCCÒ

Sesta domenica del tempo ordinario

È la prima volta che l’evangelista Marco parla della compassione di Gesù. È davvero bella questa immagine del maestro che si commuove davanti al lebbroso. È come se perdesse il controllo davanti al dolore di un uomo schiacciato dalla vita e non riuscisse a tenere a freno i suoi sentimenti. Questo verbo indica passione, esprime il fremere intimo delle viscere. Gesù è la trascrizione storica un Dio appassionato, di un Padre dal cuore materno che si abbandona alla passione per le sue creature.

Molto interessante è anche la coppia di verbi che sta al centro dell’azione di Gesù: tese la mano e lo toccò. Il maestro tocca un intoccabile e si contamina con la sua stessa morte, rompe per sempre la barriera tra il puro e l’impuro. Toccandolo, Gesù svela il suo desiderio di entrare in contatto con lui, con il suo dolore, con la sua ferita.

Nessuno lo toccava più da chissà quanto tempo e ora si sente toccato, riprende contatto con sé stesso, con il suo corpo, con la sua identità.
Tutti vedevano un morto vivente, uno scarto, un residuo di umanitá; ma Gesú vede una creatura amata, un uomo e un fratello.

Quanto abbiamo ancora da imparare da Gesú, dal suo sguardo e dal suo cuore che freme di passione. Che la sua mano ci purifichi e ci scuota, che il suo tocco rianimi i nostri cuori arrugginiti.


Don Roberto (prete missionario della Diocesi di Como) – Sito Web Fonte: il canale Telegram “Sulla Tua Parola“.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno