don Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 10 Ottobre 2021

69

VIENI E SEGUIMI

Non è facile seguire Gesú. Per essere suoi discepoli dobbiamo continuamente alleggerirci e convertire le nostre logiche religiose. A quest’uomo che se ne va triste, Gesú propone un di piú. No, non basta adempiere alla legge e osservare i comandamenti.

Il Maestro chiede un distacco radicale dai beni (“Vendi quello che hai”) per crescere nella fraternitá (“dallo a poveri”) e per camminare con lui (“e vieni! Seguimi!”). Leggendo con attenzione il testo ci accorgiamo che la povertá, la fraternitá e la sequela sono strettamente relazionate e interdipendenti. Molti dei nostri cammini spirituali e pastorali risultano sterili perché enfatizzano solo uno di questi elementi, dimenticando la necessaria armonia evangelica che dono feconditá al cammino personale o comunitario del discepolo.

Mi sembra molto interessante sottolineare come Gesú ribalti completamente la domanda iniziale dell’uomo ricco. Egli chiede cosa deve “fare per avere”, mentre la risposta di Gesù sposta il problema su un altro piano, quello del “condividere per seguire”. Ci troviamo davanti a due logiche completamente opposte e contrastanti.

Da una parte, c’è la logica religiosa della conquista, dove ci si illude che sia sufficienza fare delle buone opere per avere assicurata la vita eterna. Dall’altra, c’é la logica di Gesù, che è la logica del dono, della fiducia, della gratuitá e dell’amore.

Purtroppo l’uomo ricco se ne andó triste. La Parola di Gesú lo ha toccato e ferito, ha sentito come un lampo di gioia, ma non ha potuto fare il salto del di piú. La sua è la tristezza di chi non ha saputo andare fino in fondo e non ha avuto il coraggio di fidarsi e affidarsi alla Parola di Gesù.

Un abbraccio,
don Roberto


Don Roberto (prete missionario della Diocesi di Como) – Sito Web Fonte: il canale Telegram “Sulla Tua Parola“.

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteMomento di Riflessione di Papa Francesco per l’inizio del Percorso sinodale (9 ottobre 2021)
Articolo successivodon Giulio dal Maso – Commento al Vangelo di domenica 10 Ottobre 2021