don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2021

78
Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]

Maria, pellegrina nella fede e ricercatrice di Dio

Per la famiglia di Nazareth era una consuetudine celebrare la Pasqua annuale compiendo il pellegrinaggio a Gerusalemme. Ma quando Gesù ebbe dodici anni quella festa, che sembrava essersi svolta come tutte le altre volte, fu guasta da un imprevisto: Gesù aveva scelto di non tornare con i suoi genitori a Nazaret ma di rimanere a Gerusalemme quasi a voler prolungare la festa.

Maria e Giuseppe non avrebbero mai potuto immaginare che da lì a qualche anno, proprio durante la Pasqua degli Ebrei, Gesù avrebbe vissuto la sua Pasqua inaugurando un nuovo rito nel quale è versato il suo sangue, come quello l’agnello pasquale e avrebbe donato il suo corpo come pane spezzato per essere mangiato. Neanche Gesù lo sapeva ma avvertiva dentro di sé la voce dello Spirito Santo che gradualmente lo attirava verso il Padre e al quale era obbediente.

Chi di noi non sarebbe caduto nel panico al pensiero di aver smarrito il proprio figlio per averlo perso di vista. La ricerca angosciata avviene prima tra parenti e conoscenti e poi finalmente si dirige verso Gerusalemme dove, dopo tre giorni, ritrovano Gesù che è nel tempio, come se fosse nella sua «casa dell’insegnamento» della sua Nazaret, a dialogare con i maestri. Lo stupore accomuna chi lo ascolta e chi lo ritrova. In Maria e Giuseppe ci sono emozioni contrastanti, gioia e rabbia.

Maria domanda «Perché?», reclama una spiegazione, vorrebbe capire il senso di quella scelta che a prima vista sembra essere un’offesa a loro. La risposta di Gesù sposta l’attenzione sul senso della loro ricerca, quasi a chiedere: «cosa vi spinge a cercarmi, cosa o chi cercate?». Questo interrogativo ritornerà la domenica di Pasqua sulla bocca dei due angeli che le donne trovano nella tomba vuota: «Perché cercate tra i morti colui che è vivo?» (Lc 24, 5).

Gesù offre un primo insegnamento ai suoi genitori: essi devono cercare Gesù non per ritornare come prima, ma per seguirlo e imitarlo nel cercare innanzitutto la volontà di Dio. Non si può celebrare la Pasqua e poi ritornare indietro, ma bisogna rimanere, approfondire e cercare la volontà di Dio per metterla in pratica. Gesù insegna agli smarriti di cuore a cercare Dio per ritrovare il centro della propria vita. Senza questo centro si vaga in balia del dubbio e della paura. La fede guida la nostra ricerca e la indirizza verso il cuore della vita. Similmente celebrare l’Eucaristia significa pellegrinare verso Gesù, il cuore del mondo. 

Maria, pellegrina nella fede, tu che hai provato angoscia e smarrimento per aver perso di vista il tuo figliolo e con trepidazione lo hai cercato guidata dalla speranza di rivederlo, aiuta i figli tuoi che vagano perché distratti dalle tentazioni e dalle preoccupazioni della vita. Prendici per mano e insegnaci a dare ascolto alla voce dello Spirito che parla in noi e indirizza il nostro desiderio all’incontro col Signore risorto. Guida la nostra ricerca di verità e di senso perché, fissando in Dio il centro della nostra esistenza, possiamo dare ordine alla nostra vita in modo che dall’amore a Dio, come da sorgente, scaturisca anche quello al prossimo.   

Articolo precedentep. Enzo Fortunato – Commento al Vangelo del 26 Dicembre 2021
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 26 Dicembre 2021