don Paolo Squizzato – Commento al Vangelo del 28 Novembre 2021

182

- Pubblicità -

Avvento, tempo d’attesa.
Attesa dell’imprevedibile, con “uno sguardo attento, in cui l’anima si svuota di contenuto proprio per accogliere in sé quella realtà che solo così essa vede nel suo aspetto vero” (Simone Weil).
Questa attesa-attenzione suppone la fine di ogni nostro pregiudizio, desiderio, libertà da ogni opinione, fine di ogni immaginazione riempitrice di vuoti.
Tempo di fede, ovvero apertura tale da non prevedere nulla se non l’imprevedibile e un attendere nulla se non l’insperato.

«State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano …» (v. 34). Un cuore appesantito, ossia ingombro d’altro, non può far spazio all’Altro che desidera compiersi in noi.
Il contrario di ‘appesantito’ non è ‘leggero’ ma ‘puro’, ossia privo di pensieri, turbamenti, inquietudini, brame e istinti. Uno ‘stato di quiete’, nato dall’aver mollato la presa per essere finalmente liberi e aperti all’accadere di un dono.

È interessante che Gesù faccia riferimento in particolare a tre possibili malattie del cuore: la dissipazione, l’ubriachezza e l‘affanno (v. 34).
Dissipare significa disperdere, svanire, rendere inconsistente. C’è il rischio di vivere come fumo, nebbia, in maniera inconsistente appunto, e al primo bagliore del sole costatare che di tutto ciò che si pensava si fosse edificato, non rimane nulla.

Vivere da ubriachi significa consumare i giorni nell’inconsapevolezza, lasciar accadere le cose senza viverle veramente, magari anche in preda all’euforia, o in una tristezza mortale, ma comunque mai ‘in sé’, mai da protagonisti, come coloro che hanno delegato ad altri il mestiere di vivere.

Affannarsi poi, è come correre a perdifiato, in continua agitazione, sempre alla ricerca di qualcosa, di una meta, di un orizzonte che – come in un incubo – è destinato a rimanere sempre aldilà, irraggiungibile.
L’Avvento è invito a fermarsi, o almeno a rallentare. Le cose veramente importanti nella vita sono molto lente nel loro divenire, come la crescita di un filo d’erba o d’un bimbo.

Avvento come tempo di purificazione. È necessario purificarsi finanche dalle proprie immagini di Dio e del divino in quanto egli è sempre oltre ciò che possiamo immaginare e pensare, e potrà farci visita nella misura in cui cessiamo di cercarlo.
«Dio è una negazione della negazione», diceva Meister Eckhart. Va negato come oggetto ‘altro da noi’, perché possa manifestarsi come lo Spirito in noi.


AUTORE: don Paolo SquizzatoFONTECANALE YOUTUBE

- Pubblicità -

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 28 Novembre 2021 – fr. Janvier Ague OFM.Cap
Articolo successivodon Franco Scarmoncin – Commento al Vangelo di domenica 28 Novembre 2021