don Paolo Squizzato – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2021

63

Per Jacques Lacan, esiste una sola domanda fondamentale per l’essere umano: «hai agito in conformità al desiderio che ti abita?». Ma qual è l’intimo desiderio inscritto nel cuore dell’uomo? Io credo venire alla luce di sé. Uscire dal bozzolo e cominciare a volare. Rinascere.
In che modo? Dimorando al centro della nostra ‘grotta del cuore’, dove brucia il nostro vero sé, il divino in noi. Rimanendo in questa fornace ardente possiamo essere trasformati nel medesimo principio che ci abita.

Immersi nel fuoco dello Spirito, «fino al punto in cui l’uomo è Dio in Dio, e Dio è tutto in tutto l’uomo» (Giovanni Taulero).
Gesù non ha chiesto di fare della vita una questione morale, un affaticarsi nell’adempire o meno norme e precetti. Ma di essere luce, e luce lo si diventa incorporando la luce (cfr. Gv 8, 12; Mt 5, 14). Come la nuda zolla di terra diventa fiore non facendo o non facendo, ma semplicemente stando: «Guardate come crescono i gigli: non faticano e non filano» (Lc 12, 27).

“Essere calmamente attivi e attivamente calmi”.
In questo modo ci desteremo dal sonno, sorprendendoci che non esiste alcun abisso tra noi e Dio, ma di essere con lui una cosa sola, sua manifestazione, come il metallo che immerso nel fuoco non si distingue più da quest’ultimo.

«Il Tuo spirito si è mescolato poco a poco al mio spirito, in mezzo a un’alternanza di avvicinamenti e di abbandoni. E adesso io sono Te stesso. La tua esistenza è la mia, per mi stessa volontà intonata ormai alla Tua. Signore, mio Signore, ho abbracciato con tutto il mio essere il Tuo amore. Mi spogli tanto di me che sento che in me sei Tu. […] Sono divenuto Colui che amo e Colui che amo è comparso in me. Siamo due Spiriti infusi in un solo corpo» (Al-Hallaj).


AUTORE: don Paolo SquizzatoFONTECANALE YOUTUBE

Articolo precedentepadre Giovanni Vannucci – Commento al Vangelo per domenica 2 Maggio 2021
Articolo successivofra Giampaolo Possenti – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2021