don Paolo Squizzato – Commento al Vangelo del 17 Ottobre 2021

98

«Cosa volete che io faccia per voi?» (v. 36), chiede Gesù ai suoi discepoli.
Vogliamo la gloria, rispondono loro. (v. 37).

Alla nostra ‘vana-gloria’ Gesù contrappone la gloria autentica dell’uomo e di Dio: uscire da sé per il bene dell’altro. Gesù infatti rivelerà la sua gloria sulla croce, conseguenza ultima dell’amore. Un patibolo infame diventa il suo trono regale e i due scanni così agognati dai due discepoli, sono occupati da due delinquenti crocifissi con lui.

«Cosa volete che io faccia per voi?». Il desiderio di Gesù e il sogno di Dio, è poter fare qualcosa per noi. Peccato che noi non sappiamo cosa chiediamo: «Voi non sapete quello che chiedete» (v. 38).
L’Amore desidera solo dispensare vita, ma noi domandiamo la possibilità di distruggercela, rovinando la nostra e quella degli altri.

«Tra voi però non è così» (v. 43), dice Gesù; tra voi deve vigere un altro stile di vita. Appartenete ad un altro regno, dove sta un Amore che dispensa sé stesso su tutto e su tutti. Un mondo dove chi è più grande si fa servo.

Capovolgimento da vertigine: più si esce dal proprio ego più si è grandi. Più si è grandi più ci si mette a servizio.

“Chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti” (v. 44). Viene usato qui il termine ‘schiavo’: il servo è colui che “lavora” per l’altro; lo schiavo “appartiene” all’altro. L’amore è appartenenza al cuore dell’altro, non vita da mestierante. ‘Dare la vita’ significherà dunque sia morire che dare alla luce, far nascere. Perché l’amore alla fine consiste in questo: essere disposti a morire perché l’altro possa cominciare a vivere veramente.


AUTORE: don Paolo SquizzatoFONTECANALE YOUTUBE

Articolo precedenteSr. Mariangela Tassielli – Commento al Vangelo di domenica 17 Ottobre 2021 per bambini/ragazzi
Articolo successivoVangelo della domenica – 16 Ottobre 2021 – don Luigi Maria Epicoco