don Pietro Pratolongo – Commento al Vangelo di domenica 19 Aprile 2020

177

Verifichiamo la nostra fede nella resurrezione

La celebrazione della festa di Pasqua continua, come fosse un giorno solo, per 50 giorni fino a Pentecoste. I Padri della Chiesa chiamavano questo tempo «lo spazio della gioia, della letizia». La motivazione di questa espressione la troviamo nel linguaggio apostolico, con cui i discepoli e gli Apostoli percepirono e trasmisero la resurrezione di Gesù come il «Risorto dai morti».
L’esperienza vissuta con il Risorto, che si manifestava, ruppe le loro paure. Gesù entrò a porte chiuse, rivelandosi come il «primogenito dei morti» (Col.1,18 ; Ap.1,5), il «primogenito fra molti fratelli» (Rm8,29), la «primizia di coloro che sono morti» (1Co.15,20.23), «L’Autore della vita» (At.3,15), Egli venne da loro e disse «Pace a voi».

Gli Apostoli hanno sperimentato la resurrezione di Gesù come inizio dei tempi messianici che l’ebraismo di allora intendeva come la fine della storia e collettiva resurrezione di tutti i morti. Erano dunque compiuti in Gesù i tempi messianici! Per la loro esperienza pasquale Dio resuscitando Gesù aveva dato inizio a qualcosa che riguarda tutti, una nuova creazione. Resuscitando Gesù Dio aveva fatto una cosa che lega indissolubilmente la resurrezione di Gesù con quella di tutti i morti (1Ts.4,14), essi si sentirono personalmente coinvolti e, noi con loro, nel processo della resurrezione di Gesù.

Non per nulla Gesù compie un gesto: «soffiò su di loro e disse “ricevete lo Spirito Santo”». Tale gesto rimanda all’atto creatore della Genesi dove si dice: «Dio soffiò nelle sue narici un alito di Vita e l’uomo divenne un essere vivente». È la Nuova Creazione, è la nuova creatura, che vive del Soffio vitale di Dio, lo Spirito santo! È il tempo nuovo dell’uomo nuovo, della «nuova Alleanza», promessa dal profeta Geremia (31,31). Il Risorto non viene descritto privo di corpo, Egli porta il segno dei chiodi e del colpo di lancia, é Lui, proprio Lui, il Maestro di Galilea, il figlio di Maria, Gesù di Nazaret ma in un corpo trasformato. La resurrezione non é una spiritualizzazione ma la redenzione della nostra corporeità liberata da ogni corruzione di peccato e di morte. In Gesù risorto tutto l’essere umano è redento!

Gli Apostoli non hanno incontrato un fantasma, non uno spirito incorporeo, ma Gesù in tutta la sua gloria. E i discepoli «gioirono al vedere il Signore». La Pasqua è la causa della nostra letizia. L’esperienza dell’Apostolo Tommaso é così sintetizzata da S. Agostino nel suo Commento al Vangelo di Giovanni: «Gli rispose. Signore mio e Dio mio! Vedeva e toccava l’uomo, ma confessava Dio che non vedeva né toccava. Attraverso ciò che vedeva e toccava, rimosso ormai ogni dubbio, credette a ciò che non vedeva». Vedeva l’uomo Gesù risorto e forse in quel momento, ricordando, comprendeva la risposte data da Gesù a Filippo che gli aveva chiesto: «mostraci il Padre..» con il detto: «chi vede me vede il Padre».

Tommaso comprese che nel Maestro risorto, nella sua carne trasformata, Dio dava sostanza alla sua fede (Gv.14,8-11). Per Tommaso la «carne di Gesù glorificata», la «carne assunta da Maria», vista e toccata, diventa il luogo della fede, come accade a tutti noi nell’Eucarestia, vediamo e tocchiamo pane e vino, ma confessiamo nella fede il vero corpo e sangue del Signore Gesù. È il realismo che l’apostolo stesso afferma nella sua prima Lettera: «quello che abbiamo veduto e udito, noi lo annunciamo anche a voi…» (1Gv,1-4)

Viviamo con gioia questi 50 giorni alla luce di quanto ci suggerisce Tertulliamo nella sua opera sul Battesimo. «È lo spazio gioioso (laetissimum) nel quale la resurrezione del Signore si è manifestata fra i discepoli, la grazia dello Spirito Santo si è rivelata, e la speranza della venuta del Signore è manifestata in figura». La Liturgia ambrosiana canta questa antifona di origine bizantina: «Le mani siano pure e avremo parte al dono che ci trasforma il cuore».
La Pasqua è l’annuale verifica della fede nella resurrezione, Cristo non è un fantasma, un mito, un buonista, un maestro di morale ma il Vivente operante in mezzo a noi. Egli si fa toccare nell’esperienza della fede, da cui sorge il cuore trasformato.

Non per nulla l’Evangelista Giovanni conclude il racconto di Tommaso con queste parole: «questi (fatti) sono stati scritti perché crediate che Gesù è il Cristo e perché , credendo (giorno dopo giorno) abbiate la vita nel suo nome» (Gv.20,31).

Fonte foto

don Pietro Pratolongo, parroco di Pontremoli e preside della Scuola di formazione teologico-pastorale della diocesi di Massa Carrara Pontremoli.

Fonte