don Mauro Pozzi – Commento al Vangelo di domenica 13 Giugno 2021

67

Il commento al Vangelo di domenica 13 Giugno 2021, a cura di don Mauro Pozzi.

 Ogni seme cresce perché ne ha la capacità. Noi possiamo favorire questa crescita, ma non ne abbiamo il merito. Così è il Regno.

Link al video

IL MISTERO DEL REGNO

Il Signore si serve delle parabole perché possa intendere solo chi vuole davvero capire, ma anche perché il mistero si può intuire solo attraverso delle analogie. Noi crediamo di sapere che cos’è la vita o magari di comprenderla, ma vediamo solo la superficie. Siamo immersi in un universo che a volte pensiamo di dominare, ma che ci supera e ci avvolge. Il contadino semina il suo grano e quando è maturo lo miete. Queste azioni sono come due parentesi, in mezzo però c’è la cosa più importante e più straordinaria: il grano germoglia, cresce e matura, senza che l’uomo debba fare niente. Succede e basta.

Si può paragonare la fatica dell’agricoltore con il prodigio della natura che dà vita alla spiga? Sembra che sia lui a fare la parte più importante, ma in realtà è tutto un dono meraviglioso. Così succede anche a noi: crediamo di essere artefici del nostro destino, ma stiamo solo raccogliendo qualcosa che la Vita fa maturare per noi, addirittura potremmo dire, nonostante noi. Certe volte la nostra arrogante pretesa di sapere dipinge la piccola realtà che crediamo di vedere. Qualcuno potrebbe pensare che tutto questo ci tiene in scacco, mortifica la nostra indipendenza. Sarebbe vero se fossimo vittime, ma invece siamo destinatari di un dono: anche se lo ignoriamo il Regno di Dio cresce intorno a noi e ci arricchisce! È arrivata la mietitura!

Gesù ci invita a raccogliere i frutti di questo Regno, che cresce anche se sembra che non ci siano i presupposti. Come può un piccolissimo e insignificante seme far crescere un albero? In questi anni difficili in cui si parla solo di crisi come può esserci ottimismo? Forse in mezzo ai debiti, alla disoccupazione, alle preoccupazioni, stiamo perdendo di vista un semino. Forse misuriamo il nostro benessere su dei parametri fasulli. Che cosa ci permette di essere felici? È l’amore il semino.

Se siamo capaci di seminare intorno a noi affetto, sincerità, condivisione, lealtà, attenzione, crescerà qualcosa di grande, anche se ci raccontano che è impossibile. Questo albero fa ombra, cioè tradisce la presenza di una luce che lo nutre e lo fa crescere, e in quell’ombra gli uccelli possono fare il loro nido. I frutti superano la possibilità stessa della pianta. Nessun albero dà vita agli uccelli, ma la sua disponibile presenza permette loro di vivere.

Questo è il Regno, un mistero che fa crescere per far crescere. Un mistero che non è opera nostra, ma che noi possiamo coltivare e che allo stesso tempo ci coltiva. È qualcosa che non si può capire, ma solo adorare e contemplare.


AUTORE: don Mauro PozziFONTE: emailSITO WEBCANALE YOUTUBE

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 8 Giugno 2021
Articolo successivoMessaggio per la 16ª Giornata Nazionale per la Custodia del Creato, 1 settembre 2021