don Mauro Manzoni – Commento al Vangelo di Domenica 26 Giugno 2022

56

- Pubblicità -

Don Mauro Manzoni di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica 26 giugno 2022.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

- Pubblicità -

Il cristiano è un pellegrino senza strada, ma costantemente e tenacemente in cammino, dice San Giovanni della Croce, che sintetizza mirabilmente l’atteggiamento che Cristo vuole dal suo discepolo. Un viandante senza alcuna frontiera o obiettivo, sempre in cammino verso traguardi con sopra scritto “partenza”.

Ripartire per proclamare il regno di Dio, testimoniare la Sua presenza nel mondo per avere la forza di affrontare le innumerevoli necessità che si parano davanti. Affrontare tutto, a denti stretti e muso duro, senza mai voltarsi indietro, senza nostalgie e rimorsi, senza paure o tentennamenti. Ricominciare da capo, mai accontentandoci di quello che siamo nè impauriti o spaventati di quello che dovremmo essere.

Il Signore non si stanca mai di noi ed ogni momento ci ripropone quell’invito tenero e dolce: “seguimi”! Dice Madre Teresa: “dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza. Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce. Quando non potrai camminare veloce, cammina. Quando non potrai camminare, usa il bastone”.

Come a dire a ciascuno di noi di non fermarci mai e di non voltarsi mai indietro per non fare la fine della moglie di Lot che guardò indietro e divenne una statua di sale.

- Pubblicità -

Link al video

Articolo precedentePaolo de Martino – Commento al Vangelo del 26 Giugno 2022
Articolo successivoLc 15, 3-7