don Massimiliano Scalici – Commento al Vangelo del 8 Maggio 2022

59

- Pubblicità -

Un Dio agnello e pastore

Un Dio agnello e pastore. La quarta domenica di Pasqua è denominata “del buon Pastore” per le metafore che offrono le letture bibliche. Gesù è il pastore grande delle pecore perché si è fatto a sua volta agnello mansueto del Padre. Pertanto solo chi accetta di diventare pecora di Gesù bel pastore potrà un giorno essere pastore di un gregge.

La pecora, infatti, è l’unica a conoscere cosa sia disposto a fare il suo pastore per lei: dare la vita. I pastori veri del gregge di Gesù Cristo non possono che essere pecore di Lui! Buona visualizzazione del videocommento con il quale puoi reagire lasciando una tua risonanza.

don Massimiliano Scalici

Link al video

Articolo precedentedon Roberto Seregni – Commento al Vangelo del 8 Maggio 2022
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 8 Maggio 2022