don Massimiliano Scalici – Commento al Vangelo del 5 Settembre 2021

62

Discepoli liberati

Se il profeta è colui che apre un varco di speranza, nella vita tanti esseri umani vittime di inganni e immersi nell’oscurità del male, chi ha incontrato Gesù e ha creduto in lui non può non farsi attore della stessa missione profetica di liberazione e di riscatto raccontata dalle letture di questa XXIII domenica per annum del ciclo liturgico B.

Si tratta di pagine attualissime, il cui racconto trova oggi nuovi contesti storici che lo incorniciano, che ci sottopongono ad una verifica cruda della nostra fede: da che parte stiamo? Dalla parte di Dio o dalla parte dei poteri umani che ci rendono schiavi e ci tolgono ogni libertà? Sperando che il videocommento che vi propongo aiuti me e voi a fare tale verifica importante, anzi direi vitale per la nostra vita di uomini e di credenti, vi auguro un’attenta visualizzazione e una profonda meditazione da farsi all’insegna di orecchi e cuore aperto, come del resto auspica la parola aramaica pronunciata oggi da Gesù.

don Massimiliano Scalici

Link al video

Articolo precedentedon Giulio dal Maso – Commento al Vangelo di domenica 5 Settembre 2021
Articolo successivoJosep Boira – Commento al Vangelo del 5 Settembre 2021