don Marco Pozza – Commento al Vangelo di domenica 24 Novembre 2019

602

Autobiografia di un fallito. Biografia di un santo

L’ultima fu la più spietata di tutte, la più feroce di tutte le tentazioni passate in vita: molto più delle pietre da tramutare in pane, delle ginocchia da piegare, di un ponte dal quale buttarsi. Quelle erano gli antipasti di una vita, l’assaggio del finale. Rimasero il preludio di quella più magnifica, che vale tutto l’intero biglietto d’ingresso nel cinema di Satana, che è il dramma dell’insulso: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto».

Tradotto alla bell’è meglio, vale una sorta di aut-aut: “Salta giù e ti crederemo. Oppure è stato tutto un bluff!”. Al Cristo Nazareno, ancora una volta, viene chiesto di dimostrare: chi è, che cosa vuol dire, quanto vale. Non sono bastati trent’anni di silenzio e tre anni di parole per mettere a tacere il mondo-di-sotto, quello che andava dicendo: “E’ tutta fuffa gente, occhi aperti. State andando dietro ad un fallito. Sarete destinati a fallire”.
Dopo averlo appeso – solo come un cane strangolato – lo provocano a mò di ultras avversari, lo sfiancano nell’ultimo suo respiro, tentano anche stavolta di strappargli quel miracolo che han sempre confuso con un gioco di prestigio.

Gli promettono, però, che stavolta sarà l’ultima: “Se salti giù, stop: hai vinto tu!” La sua risposta, anche stavolta, sarà identica alla prima: «Tu non scendesti dalla croce (…) perchè, anche questa volta, non volesti rendere schiavo l’uomo con un miracolo, – scrive F. Dostoevskij nel suo I fratelli Karamazov – perchè avevi sete di una fede nata dalla libertà e non dal miracolo». Fino all’ultimo, insomma, rimase fedele al suo primo Vangelo: non ci potrà mai essere vera gioia senza libertà. Eppoi, lo dimostrò a più riprese, tutti sono capaci di governare con la paura: governare lasciando-andare è stato a lungo il suo grande potere. Una fede libera cercò il Cristo per liberare l’uomo dalla tirannia della prestazione: nessuna richiesta previa, nessuna dimostrazione di valore, la grazia è gratis per tutti. Per tutti quelli che l’accetteranno, è chiaro: questo, lungo i secoli a venire, sarà e farà la grande differenza. «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e anche noi!»: l’affondo finale, come non se bastassero quelli dal basso, Gli giunge da sinistra, trasversale: glielo scaglia un farabutto, condannato pure lui alla gogna della Croce. “Fatti valere adesso che c’è bisogno!” Ne approfitta: non si sa mai.

Agli insulti del suo compagno di brigata non oppose resistenza: reagì a labbra chiuse, forse scrutandolo d’amore acceso. Il perchè Cristo tace è materia di poesia: «Avevi sete di un amore libero – continua lo scrittore russo -, non dei servili entusiasmi dello schiavo davanti al padrone potente che lo ha terrorizzato una volta per sempre». Dio aveva sete della sete di quell’altro brigante: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno».

Poco prima l’aveva chiamato per nome, con il nome del suo buon cuore: «Egli non ha fatto nulla di male». A Iddio bisbiglia di traverso il suo Credo: “Ti credo, tu sei Re davvero: stasera, se puoi, quando sarai lassù, fai una preghierina per me. Promettimi che non morirò solo come un ladro”. La sua professione vale il doppio della richiesta: la richiesta è il frutto della sua professione. Il Cristo-assetato si disseta alla sorgente di quelle parole: «In verità ti dico: oggi sarai con me nel Paradiso». Non ha chiesto nulla a Dio, Dio risponde dandogli il tutto a disposizione: l’eternità. All’uomo bastardo ch’era sulla bocca di tutti, il Cielo apre le braccia: «Io credo che neppure i nostri errori e i nostri sbagli sono inutili – scrisse padre Turoldo – e che a Dio non è più difficile venirne a capo, di quanto non lo sia con le nostre buone azioni».

Nel tracollo, il ladrone consegna a Dio il tema: “Autobiografia di un fallito”. Sbagliò strade, frequentò brutte compagnie, sfottè la libertà: scordò la bellezza per cui era nato. In quella baraonda di offese, urla e sputi fu l’unico a ricordarsi dove abitava il volto del vero Dio. Lo intravide, Gli offrì la compagnia delle sue confidenze. Poi, mentre la folla urlava “Salta giù, presto!” Cristo, guardandolo, lo invitò: “Salta in braccio, vieni via con me!”. Ancora oggi, in tanti, rosicchiano.

Letture della
XXXIV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – NOSTRO SIGNORE GESÚ CRISTO RE DELL’UNIVERSO – ANNO C – Solennità

Prima Lettura

Unsero Davide re d’Israele.Dal secondo libro di Samuèle

2 Sam 5,1-3

In quei giorni. vennero tutte le tribù d’Israele da Davide a Ebron, e gli dissero: «Ecco noi siamo tue ossa e tua carne. Già prima, quando regnava Saul su di noi, tu conducevi e riconducevi Israele. Il Signore ti ha detto: “Tu pascerai il mio popolo Israele, tu sarai capo d’Israele”».

Vennero dunque tutti gli anziani d’Israele dal re a Ebron, il re Davide concluse con loro un’alleanza a Ebron davanti al Signore ed essi unsero Davide re d’Israele.

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 121 (122)

R. Andremo con gioia alla casa del Signore.

Quale gioia, quando mi dissero:
«Andremo alla casa del Signore!».
Già sono fermi i nostri piedi
alle tue porte, Gerusalemme! R.

È là che salgono le tribù,
le tribù del Signore,
secondo la legge d’Israele,
per lodare il nome del Signore.
Là sono posti i troni del giudizio,
i troni della casa di Davide. R.

Seconda Lettura

Ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési

Col 1,12-20

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Colossési

Fratelli, ringraziate con gioia il Padre che vi ha resi capaci di partecipare alla sorte dei santi nella luce.

È lui che ci ha liberati dal potere delle tenebre

e ci ha trasferiti nel regno del Figlio del suo amore,

per mezzo del quale abbiamo la redenzione,

il perdono dei peccati.

Egli è immagine del Dio invisibile,

primogenito di tutta la creazione,

perché in lui furono create tutte le cose

nei cieli e sulla terra,

quelle visibili e quelle invisibili:

Troni, Dominazioni,

Principati e Potenze.

Tutte le cose sono state create

per mezzo di lui e in vista di lui.

Egli è prima di tutte le cose

e tutte in lui sussistono.

Egli è anche il capo del corpo, della Chiesa.

Egli è principio,

primogenito di quelli che risorgono dai morti,

perché sia lui ad avere il primato su tutte le cose.

È piaciuto infatti a Dio

che abiti in lui tutta la pienezza

e che per mezzo di lui e in vista di lui

siano riconciliate tutte le cose,

avendo pacificato con il sangue della sua croce

sia le cose che stanno sulla terra,

sia quelle che stanno nei cieli.

Parola di Dio

Vangelo

Signore, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno.

Dal Vangelo secondo Luca

Lc 23,35-43

In quel tempo, [dopo che ebbero crocifisso Gesù,] il popolo stava a vedere; i capi invece deridevano Gesù dicendo: «Ha salvato altri! Salvi se stesso, se è lui il Cristo di Dio, l’eletto».

Anche i soldati lo deridevano, gli si accostavano per porgergli dell’aceto e dicevano: «Se tu sei il re dei Giudei, salva te stesso». Sopra di lui c’era anche una scritta: «Costui è il re dei Giudei».

Uno dei malfattori appesi alla croce lo insultava: «Non sei tu il Cristo? Salva te stesso e noi!». L’altro invece lo rimproverava dicendo: «Non hai alcun timore di Dio, tu che sei condannato alla stessa pena? Noi, giustamente, perché riceviamo quello che abbiamo meritato per le nostre azioni; egli invece non ha fatto nulla di male».

E disse: «Gesù, ricordati di me quando entrerai nel tuo regno». Gli rispose: «In verità io ti dico: oggi con me sarai nel paradiso».

Parola del Signore

Commento a cura di don Marco Pozza

(Qui tutti i precedenti commenti al Vangelo di don Marco)

Licenza: Creative Commons

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.