don Marco Pozza – Commento al Vangelo di domenica 20 Marzo 2022

115

- Pubblicità -

E’ difficile calcolare la mia età

Per gli amanti dei sughi pronti, per chi si lecca i baffi con i quattro salti in padella, per gli esperti di ricette veloci, cene surgelate, per chi ama farsi ritrarre dall’occhio di una fotocamera istantanea, potrà apparire un po’ vintage l’invito a pazientare ancora un po’: «Padrone, lascialo, ancora quest’anno». Nelle vesti di mezzadro, Cristoddìo, parlando alla suocera, cerca di fare in modo che la nuora capisca che perdere la pazienza, certe volte, equivale a perdere una vittoria. E’ una legge che appartiene all’umano: se tu scavi per settantaquattro metri sotto terra e poi ti fermi mentre l’acqua appare dal settantacinquesimo metro in giù, è come non avere scavato un solo centimetro.

È stato tempo perso: «Lascialo anche quest’anno, finchè gli avrò zappato attorno e avrò messo del concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai». La fretta è del diavolo, la pazienza di Dio: poi è vero che anche la pazienza ha un limite – «se no, lo taglierai» – ma è altrettanto vero che anche un semplice sorriso o gesto di fiducia, quel limite riuscirà a spostarlo un po’ avanti. D’altronde Iddio sa bene che nemmeno il mondo gli riuscì di farlo in un giorno solo: ne servirono sette, compreso il turno di riposo. Che, per gente di fretta, resterà il più faticoso.

- Pubblicità -

Il fatto è che è tutto di fretta, di corsa, tutto presentato come urgentissimo e la gente chiede che le cose di cui necessita oggi siano da farsi entro ieri. Tutti che corrono eppure in tanti, puntualmente, arrivano comunque in ritardo. Ritardi anche nel comprendere il perchè degli accadimenti che stazionano sotto gli occhi di tutti: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei per aver subito tale sorte?» risponde Cristo, facendo capire la bestemmia della domanda nemmeno riportata dall’evangelista: “Chi ha peccato, Rabbì, perchè Dio li abbia puniti con la morte: loro, i loro figli, o qualcun’altro del loro grado di parentela?”

La fretta di far discendere la morte, il castigo, la fatica dal peccato è da sempre il grande incubo, la grande tentazione, di chi frequenta Cristo senza aver capito granchè della sua testa divina. Che, per i non udenti, lascia traccia di sé nella chiosa finale della faccenda: «Se non vi convertirete – è il Rabbì interpellato -, perirete tutti allo stesso modo» (cfr Lc 13,1-9). Come dire: “Se hai fretta mi raccomando di non andare di fretta: potresti vedere aumentato a dismisura il rischio di arrivare con un ritardo considerevole”. A volte è meglio «un pezzo di pane con il formaggio piuttosto che una pizza lievitata in fretta, gommosa e indigeribile» (C. Cracco).

Quando qualcuno mi chiede l’età – visto che, non essendo una signora, è lecito – la calcolo a partire dall’anno di nascita. Avessi la chiara percezione di chi sono figlio io, dovrei rispondere che la mia età è strana: non è un numero ma «anche quest’anno». La mia età è «anche quest’anno» di tempo ripetuto, finora, per una serie di volte pari agli anni che porto all’anagrafe. Ogni anno, ad essere sincero, è un regalo da parte della fiducia del mio Dio-contadino che, di fronte al mio fancazzismo – “Ecco, sono più di quaranta anni vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Taglialo! Perchè deve vivere a rimorchio mio?” – chiede una dilatazione ulteriore di fiducia. Sopravvivo per una aggiunta annuale di fiducia.

Ogni tanto sento di approfittarne della bontà di Dio: mi accorgo che la sua fiducia verso di me è come la gomma da cancellare: si rimpicciolisce dopo ogni errore. Eppure ci riprovo a sfidare la bontà il Padrone, per il semplice fatto che anche l’anno scorso aveva detto: «Ancora quest’anno, sennò…»! Avverto di essere un avventuriero spericolato, ma il fatto è che nelle storie d’amore, quelle vere, l’ultimo tentativo è sempre il penultimo. Mi sono fatto un’idea di chi sia io: assomiglio ad un libro che la gente abbandona di leggere dopo qualche pagina, lasciandoci tutt’al più un segnalibro. Dio, prendendolo in mano, si accorge che il segnalibro era fermo esattamente una pagina prima della pagina più bella. E «ancora quest’anno» è stato il suo segreto per non perdermi definitivamente.

- Pubblicità -

Commento a cura di don Marco Pozza
(Qui tutti i precedenti commenti al Vangelo di don Marco)
Sito Web | Licenza: Creative Commons


Articolo precedentep. Ermes Ronchi – Commento al Vangelo di domenica 20 Marzo 2022
Articolo successivodon Stefano Caichiolo: Commento al Vangelo del 20 Marzo 2022 – Diocesi di Vicenza