don Marco Pozza – Commento al Vangelo di domenica 18 Ottobre 2020

80

E’ lecito o no indossare la mascherina, Rabbì?

La risposta sovente dipende dalla domanda: a domanda mal posta, capita di falsare la risposta. Così è della premessa del Vangelo di questa domenica: «I farisei tennero consiglio per veder come cogliere in fallo Gesù». Non è curiosità la loro, è la più trasparente forma d’imbecillità: siccome non han niente da fare, allora si inventano tranelli per disturbare chi, invece, ha tante cose da fare. «Di tutti i miracoli di Gesù menzionati nei vangeli – scrive C. Stoica -, nemmeno uno si riferisce alla guarigione di uno stupido. Tanto è incurabile la stupidità». Il fatto è che, comunque, la domanda resta: “Siccome sappiamo che sei veritiero, dicci se è lecito o no indossare la mascherina”. Loro gli chiedono delle tasse,ma oggi gli chiederebbero della mascherina, tanto è legata alla Stato in questa stagione. Il Rabbì è scafato, ha fiuto da vendere, «conosce la loro malizia». Dunque non cade: “Chi vi ha detto di mettere la mascherina?” rilancia il loro tentativo di farlo cadere in tranello. “Lo stato”, cioè Cesare, gli rispondono: sta scritto nel DPCM ultimo che è stato emanato, pena una sanzione pecuniaria che ti obbliga a fare un mutuo per saldarla. La mascherina, la tassa, Cesare: così ragiona l’uomo.

Cristo, invece, svolazza da signore sopra le macerie del pensiero-pensato: «Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio». Usare i verbi giusti è mostrarsi all’altezza delle sfide: alla richiesta dei farisei di pagare o meno le tasse, Cristo risponde di rendere a Cesare ciò ch’è di Cesare. Rendere non è pagare, è restituire qualcosa dopo aver ricevuto qualcosa: è ridare dopo aver usato, è essere riconoscenti di un favore ricevuto. E’ dire grazie a Cesare di aver costruito una nuova superstrada, di aver fatto approvare la costruzione di un nuovo centro commerciale, di aver bloccato le speculazioni edilizie. Di ciò rendere grazie a Cesare è riconoscere che lo Stato sono io, che cittadini onesti è il primo passo per divenire buoni cristiani: «Abbiamo bisogno di costituirci in un “noi” che abita la Casa comune. Tale cura non interessa ai poteri economici che hanno bisogno di entrate veloci» (Papa Francesco, Fratelli tutti).

O forse ne è la conseguenza. Che indossare la mascherina può aiutare, è una precauzione, è gesto pseudo-scientifico di cura nei confronti degli altri. Se non di cura, certamente di premura nel non portare loro a casa un virus. Dunque «rendete a Cesare quello che è di Cesare», indossatela la mascherina, rispettate le ordinanze. Però c’è il rovescio della medaglia, perchè Cesare è Cesare ma non è Dio, anche se vorrebbe esserlo. Per questo Cristo rovescia, sotto gli occhi, la medaglia che i farisei guardano «(Rendete) a Dio quello che è di Dio» (cfr Mt 22,15-21). Le leggi sono materia e materiale di Cesare, ma l’uomo è proprietà privata ed esigente di Dio. Cesare, a volte, confonde l’avvertire con lo spaventare. Cristo, da parte sua, ricorda quella sottilissima differenza che c’è tra il possedere e l’appartenere: solo la seconda è reciproca, il possesso mette le manette ai polsi, l’appartenenza mette radici dentro l’anima. L’uomo, dunque, non si possiede: è materia d’appartenenza, a Cesare non è concesso di violarlo, umiliarlo, tanto meno di sognarsi di abusarlo. Anche se ci prova di continuo. L’uomo è di Dio.

La mascherina, come le tasse, se si confonde appartenenza e possesso rischia d’essere escamotage di chi vorrebbe firmare una confusione in materia. Dallo Stato si riceve (mettiamoci un condizionale di riserva), di uno Stato si è parte, lo Stato garantisce il rispetto della casa comune: aiuta a gestire la convivenza tra umani, in questo senso gli và restitutito parte di ciò che si riceve in dotazione. L’anima, però, non è di Cesare, anche se Cesare talvolta dice di volere applicare i sogni di Dio: «Questo indica che il fatto di credere in Dio e di adorarlo non garantisce di vivere come a Dio piace» (Fratelli tutti). “A ciascuno il suo” raccomanda oggi Cristo: giù le mani dall’uomo, però. Perchè nell’uomo c’è un limite: oltrepassarlo è esclusività di Dio. Pena uno sfogo della sua gelosia.

Commento a cura di don Marco Pozza

(Qui tutti i precedenti commenti al Vangelo di don Marco)

Licenza: Creative Commons