don Marco Pozza – Commento al Vangelo di domenica 14 Febbraio 2021

90

Cristo boccia il distanziamento sociale

«In quel tempo». Pagine di Vangelo che esordiscono così mi fanno impazzire: ho la sensazione che, con quel tempo, Cristo voglia parlare alla suocera al fine di far ragionare la nuora (che sono io). “In quel tempo, è il tuo tempo, Marco”: la storia fila che è una meraviglia. «In quel tempo» – (“Oggi, nel mio tempo”) me lo traduco in simultanea – il disumano dominava sull’umano: capitava che ci fosse più richiesta che offerta di umanità. “Passarci sempre sopra – alle persone, alle cose, alle situazioni – è disumano”, diceva la gente: poi, alla prova dei fatti, non si accorgeva che era proprio la disumanità una delle caratteristiche dell’essere umano. «Cos’è la storia? – s’interrogava Emil Cioran – E’ la dimostrazione della disumanità dell’uomo». Iddio, nel frattempo, assiste (im)potente: “Che sforzo disumano, sovrumano, dev’essere fare finta di niente” trabatta tra sé. Che abbia ragione? Niente è più disumano del chiudere la porta quando qualcuno chiede, supplicando, d’entrare. E della bellezza d’aprir le braccia a chi ci corre incontro?

«Se vuoi, puoi purificarmi!» urla il lebbroso al Cristo di passaggio. La multa pende come una ghigliottina. E’ un lebbroso, dunque un untore: allora è meglio che se ne stia a debita distanza. “Mantenere la distanza di sicurezza di almeno un metro” continuano a ripetergli. Sono vietati gli assembramenti intorno a Dio, i vigili-discepoli sono in allerta, le multe stanno per essere firmate. Già con Cristo – si era ai primi vagiti della Chiesa nascente – la “distanza di sicurezza” era un sogno. Legalizzato. “C’è la lebbra, il virus, l’infezione. C’è il rischio di contagiarci a vicenda!” si ripetevano. La distanza, però, la tenevano già da prima: adesso, il tempo non cambia, avevano la scusa che giustificava ciò che loro già facevano: mantenere a debita distanza lo straccione, il lebbroso, lo sderenato, folle. Mica s’accorgevano che, tenendo a distanza il mondo, si erano disumanizzati: erano profumati di amuchina, ma non c’era più umanità attorno a loro. Erano rimasti soli nella loro regolare perfezione. Lui, invece, se n’infischia: “Una multa? Il loro rimbrotto? Che cosa sarà mai di fronte alla lebbra che mi divora? Io, quell’uomo non me lo faccio scappare. Costi quel che costi?” ragionò il lebbroso. Eccolo!

Cristo, vedendolo, sente le viscere palpitare. Infrange la legge, lo tocca, gli dice che ha fatto bene. Che Gli ha letto in cuore: «Lo voglio!» Un matrimonio in piena regola: «Vuoi tu, Marco, prendere me come mia sposa? Sì, lo voglio!» C’è una forza più potente del vapore, ancor più dell’energia elettrica: è la volontà, la forza di volontà. Da che mondo è mondo – lo insegnava Eschilo, ancor prima di Gesù – Dio lavora sempre con coloro che lavorano con la volontà. Tolto anche il dubbio più atroce: che Dio volesse la lebbra, desiderasse il male, sognasse una nuova macelleria da aprire. Cristo, l’unica distanza che mantiene, è con il male: «Sii purificato. Subito la lebbra scomparve». A distanza di sicurezza lei, non lui. La nuora ha capito bene anche se, per delicatezza, ha parlato alla suocera: non c’è nulla di ciò che affligge l’uomo che non affligga anche Dio. Non c’è nessuna legge dell’uomo che impedisca a Dio d’andargli contro, per salvare l’uomo.

Poi, a miracolo avvenuto, la richiesta più folle mai più fatta dal Cristo, tanto da sembrare ingenuo in fatto d’allegria: «Guarda di non dire niente a nessuno!». Glielo dice, ma tanto sa che è impossibile tacere l’allegria: «Quello si allontanò e si mise a proclamare e divulgare il fatto». Un fatto disarmante: “Ho incontrato un Uomo che non si nasconde dietro le distanze! Ho incontrato Uno che, anche se era chiuso, mi ha aperto la bottega della guarigione! Fate presto, prima che scompaia! Andategli incontro!” Lo sapeva, il Cristo, che sarebbe andata a finire così: tant’è che nessuno degli evangelisti racconta che, per avere disobbedito al silenzio, sia ripartito nella sua pelle un focolaio di lebbra. Anche Cristo, da parte sua, aveva disobbedito: alla legge, ai puritani. Nessuno a dirgli nulla (stavolta): sapevano bene che la distanza da mantenere era il problema, non la soluzione.

Commento a cura di don Marco Pozza
(Qui tutti i precedenti commenti al Vangelo di don Marco)
Sito Web | Licenza: Creative Commons


Articolo precedentedon Guido Santagata – Commento al Vangelo di domenica 14 Febbraio 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 14 Febbraio 2021 – Comunità di Pulsano