Don Luciano Condina – Commento al Vangelo del 27 Ottobre 2019

574

Facciamo in modo che Dio ci trovi

Questa domenica il vangelo ci propone le preghiere del fariseo e del pubblicano, «fermatosi a distanza» (Lc 18,13). Egli sta più indietro rispetto al fariseo, perché all’interno del tempio esisteva una sorta di “teologia dello spazio”: la zona dei pagani, la zona degli israeliti, la zona dei leviti e quella dei sacerdoti, per arrivare fino al cuore del tempio ossia il Santo dei Santi, in cui solamente l’uomo più integerrimo, il sommo sacerdote, poteva entrare una volta all’anno.

Il fariseo prega usando molte parole, descrivendo se stesso e la sua vita; il pubblicano dice solo: «abbi pietà di me (v. 13). Il primo vanta azioni perfette e pure: digiuna due volte la settimana e paga le decime di quanto possiede; il secondo, invece, vede solo il proprio peccato e implora misericordia.

Il fariseo parla di se stesso: la sua non è una preghiera, perché fondamentalmente è centrato sulla sua realtà, su ciò che è e che non è, su ciò che fa e che non fa; ringrazia Dio, ma lo fa per un possesso, quello del proprio ego che è bello, ammirevole, presentabile. Il grottesco di costui, a parte il vanto inopportuno e sgradevole, è che in fondo non sta chiedendo niente: la sua è pura autocelebrazione priva di preghiera, perché parte da sé e resta a se stesso.
Il pubblicano invece non osa alzare gli occhi al cielo: significa che per lui il cielo è una presenza, non uno strumento da usare in modo utilitaristico; di fronte al cielo si pone in un atteggiamento contrito: si batte il petto, invoca perdono e misericordia, chiede di essere trasformato affinché si possa realizzare per lui quello che si celebrava nel giorno del gran perdono – lo iom kippur – il giorno della copertura del peccato; chiede quindi di ritornare nell’alleanza e di essere tolto da quello che sta vivendo. Nella sua preghiera riconosce che solo Dio può fare qualcosa di buono: avere pietà. Allora la preghiera diventa relazione con Dio, e non è una sottolineatura della propria identità, non è autocontemplazione.

Il fariseo è simile a quelle persone che, quando ti incontrano, parlano sempre di se stesse esternando il proprio narcisismo, magari per rimestare la propria incompiutezza esecrando anche i propri errori; è simile a quelli che ti fanno una domanda e mentre stai rispondendo ti interrompono cambiando discorso. «Io non sono come gli altri» (Lc 18,11), afferma il fariseo: ha bisogno di un paragone per trovare qualcuno che stia peggio.

Evagrio Pontico (monaco cristiano, scrittore e asceta greco del IV secolo), nel trattare i vizi capitali, spiega che «la radice di ogni ira è ritenersi giusti» e per ritenersi giusto un uomo deve confrontarsi con gli altri. Chi invece non si ritiene tale si confronta con Dio.

Spesso nella preghiera andiamo avanti faticosamente, senza gioia e senza frutto, perché restiamo ancorati all’atto in sé. Impariamo l’arte di lasciarci trovare da Dio e di lasciarci ridimensionare, cedendo a Lui l’iniziativa, mettendo al suo cospetto l’infinita povertà e la nostra fragilità. Davanti a Dio abbiamo il diritto di essere poveri, senza il bisogno di essere in competizione e di rimanere nella faticosa ricerca della nostra giustizia, che non interessa a nessuno e che ci rende capaci solo di giudicare.

L’intima presunzione di essere giusti è disprezzo nei confronti degli altri: per sopravvivere alle nostre sconnessioni e riconsolarci troviamo qualcuno da disprezzare e da considerare peggiore di noi. Tutto ciò non porta da nessuna parte. L’unica cosa che ci guida verso la novità, a un giorno del perdono e del cambiamento, è metterci nelle mani di Dio poveri come siamo.

Fonte

Letture della
XXX DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO C

Prima Lettura

La preghiera del povero attraversa le nubi

Dal libro del Siràcide
Sir 35,15b-17.20-22a

 
Il Signore è giudice
e per lui non c’è preferenza di persone.
 
Non è parziale a danno del povero
e ascolta la preghiera dell’oppresso.
Non trascura la supplica dell’orfano,
né la vedova, quando si sfoga nel lamento.
Chi la soccorre è accolto con benevolenza,
la sua preghiera arriva fino alle nubi.
 
La preghiera del povero attraversa le nubi
né si quieta finché non sia arrivata;
non desiste finché l’Altissimo non sia intervenuto
e abbia reso soddisfazione ai giusti e ristabilito l’equità.

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 33 (34)
R. Il povero grida e il Signore lo ascolta.

Benedirò il Signore in ogni tempo,
sulla mia bocca sempre la sua lode.
Io mi glorio nel Signore:
i poveri ascoltino e si rallegrino. R.
 
Il volto del Signore contro i malfattori,
per eliminarne dalla terra il ricordo.
Gridano e il Signore li ascolta,
li libera da tutte le loro angosce. R.
 
Il Signore è vicino a chi ha il cuore spezzato,
egli salva gli spiriti affranti.
Il Signore riscatta la vita dei suoi servi;
non sarà condannato chi in lui si rifugia. R.

Seconda Lettura

Mi resta soltanto la corona di giustizia.

Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo a Timòteo
2 Tm 4,6-8.16-18

 
Figlio mio, io sto già per essere versato in offerta ed è giunto il momento che io lasci questa vita. Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la corsa, ho conservato la fede. Ora mi resta soltanto la corona di giustizia che il Signore, il giudice giusto, mi consegnerà in quel giorno; non solo a me, ma anche a tutti coloro che hanno atteso con amore la sua manifestazione.
 
Nella mia prima difesa in tribunale nessuno mi ha assistito; tutti mi hanno abbandonato. Nei loro confronti, non se ne tenga conto. Il Signore però mi è stato vicino e mi ha dato forza, perché io potessi portare a compimento l’annuncio del Vangelo e tutte le genti lo ascoltassero: e così fui liberato dalla bocca del leone.
 
Il Signore mi libererà da ogni male e mi porterà in salvo nei cieli, nel suo regno; a lui la gloria nei secoli dei secoli. Amen.

Parola di Dio

Vangelo

Il pubblicano tornò a casa giustificato, a differenza del fariseo.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 18,9-14

 
In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l’intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri:
 
«Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l’altro pubblicano.
 
Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: “O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo”.
 
Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: “O Dio, abbi pietà di me peccatore”.
 
Io vi dico: questi, a differenza dell’altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.