don Ivan Licinio – Commento al Vangelo di domenica 23 Agosto 2020

117

Chi è Gesù per te?

Non vorrei essermi trovato nei panni dei discepoli quando il Maestro ha fatto loro queste domande: «La gente, chi dice che io sia?»; «Ma voi, chi dite che io sia?». Per capire la situazione potremmo immaginare quel momento in cui ci viene chiesto a bruciapelo “Mi ami?”, oppure “Quanto conto per te?”. Si tratta di quelle domande che ti spiazzano e alle quali non sai rispondere subito. Ovviamente Gesù facendo queste domande non vuole sapere a che punto è la sua popolarità ma vuole fare un punto della situazione, distinguendo fra il giudizio della gente e l’idea che i discepoli si sono fatti di lui.

Chi è Gesù per il mondo e chi è Gesù per te.

La gente, nel Vangelo di oggi, conosce Gesù per sentito dire: in questo caso il cristianesimo può atteggiarsi a filosofia di vita, può essere scambiato per filantropia o più semplicemente diventa un modo di intendere il sacro. C’è il rischio che la nostra fede sia solo un concetto o, peggio ancora, un’abitudine.

Gesù, allora, restringe il campo: «Ma voi chi dite che io sia?». In quel “ma” c’è il giro di boa. Gesù passa dal sentito dire della gente all’esperienza diretta dei discepoli. Voi che mi avete conosciuto, voi che state con me, proprio voi chi dite che io sia? Qui arriva il difficile.

Gesù ci ricorda che la fede nasce principalmente dall’incontro con Lui o, per meglio dire, dalle possibilità che gli diamo di incontrarci. Allora ritornano le domande di prima: “Mi ami?”, “Quanto conto per te?”. È significativo che sia proprio Pietro a dare la risposta esatta. Lo stesso Pietro che, subito dopo, viene rimproverato da Gesù perché non pensa secondo Dio ma secondo gli uomini. Questo vuol dire che non dobbiamo aspettare di essere perfetti per riconoscere che Gesù è il Cristo, il Figlio di Dio. Anzi, proprio la nostra debolezza diventa lo strumento per incontrare e riconoscere l’amore di Dio.

In troppi pensano che la fede sia una procedura, un teorema, il risultato di un calcolo o una formula di cose giustapposte. Un qualcosa di logico come una formula che dà sempre lo stesso risultato. Invece nulla è più imprevedibile e incalcolabile della fede! Come nessuno di noi è uguale all’altro, così anche la fede di ciascuno è diversa proprio perché scaturisce dall’incontro di Gesù con quello che ci portiamo dentro e solo noi conosciamo. Crediamo nelle stesse cose, ma non allo stesso modo. Questa è l’originalità della fede. Ognuno risponde alla domanda di Gesù con la sua vita, con il suo personalissimo modo di portare la croce e nessuna risposta è sbagliata se davvero coinvolge tutto noi stessi.

Perciò oggi non dobbiamo aver paura di rispondere a Gesù con la nostra fragile vita; anche se pensiamo che non sia la risposta giusta, è certamente la migliore che, al momento, possiamo dare.

Buon cammino, insieme.


Fonte: il blog di don Ivan