don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 26 Settembre 2020

141

«Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini».

Gesù annuncia ai suoi che presto si consegnerà nelle mani degli uomini come atto di amore. Questa consegna di sé rappresenta il dono più grande di Dio all’umanità. Anche se consapevole di essere ucciso, Gesù dona la sua vita perché si fida dell’uomo, fino a mettersi nelle sue mani. Incredibile! Ma anche incomprensibile. I discepoli, infatti, non riescono a capire perché mai Gesù, il Figlio di Dio, debba subire quello che accomuna tutti gli uomini: la morte. Ma è proprio questo il punto.

Gesù ha vinto la morte liberandoci da essa e donandoci la speranza della vita eterna. Questa realtà risulta ancora molto difficile da comprendere per quelli che vedono nella morte il capolinea del loro viaggio. La morte è sempre difficile da comprendere ed affrontare ma chi crede in Gesù ha la possibilità di renderla uno strumento, per quanto doloroso, per raggiungere il compimento autentico della sua esistenza.

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio su Facebook