don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 23 Settembre 2020

214

«Quanto a coloro che non vi accolgono, uscite dalla loro città e scuotete la polvere dai vostri piedi».

Affinché l’annuncio possa portare frutto deve essere subito evidente che la Parola annunciata è l’unica ricchezza di chi l’annuncia. Se crediamo in Dio vivendo come lui ci insegna, allora diventiamo segno della sua presenza. In questo modo possiamo guarire, ridare vita, combattere il male con le sue logiche. Poiché riceviamo gratuitamente da Dio tutto ciò di cui abbiamo davvero bisogno, possiamo prendere le distanze dal superfluo che invece il mondo assolutizza.

Noi non siamo padroni dell’Amore che abbiamo ricevuto e, con l’invito a scuotere la polvere dai piedi, Gesù ci ricorda che non possiamo neanche imporlo. Questo Amore non lo abbiamo cercato noi ma lui ha trovato noi; non noi lo abbiamo sottomesso ma lui ha ci ha vinto; non lo abbiamo comprato ma ci è stato donato gratuitamente e, perciò, non va sciupato ma condiviso.

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio su Facebook