don Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 14 Ottobre 2020

49

«Guai a voi…».

C’è una cosa che il Signore proprio non sopporta: l’ipocrisia. Per quanto possiamo dissociarci dall’atteggiamento dei farisei e dei dottori della Legge, non possiamo essere davvero sicuri di non cadere nel loro stesso errore.

Tante volte chiediamo agli altri ciò che noi per primi non riusciamo a vivere. Miriamo ai primi posti anche quando siamo consapevoli di non meritarceli. Quel «guai a voi» di Gesù, oggi, dobbiamo sentirlo rivolto a noi, come monito ed invito a vivere il nostro rapporto con Dio autenticamente, consapevoli che non sono stati i nostri meriti che ci hanno fatto guadagnare il suo amore. Non trasformiamo la nostra fede in semplice esteriorità. Diceva Sant’Ignazio di Antiochia che «è meglio essere cristiano senza dirlo, che proclamarlo senza esserlo».

Buon cammino, insieme.


Fonte: don Ivan Licinio sul suo blog

Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 14 Ottobre 2020
Articolo successivodon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 14 Ottobre 2020