don Guido Santagata – Commento al Vangelo di domenica 27 Giugno 2021

118

Il Vangelo di questa Domenica ci dona due storie di vita diverse ma nello stesso tempo simili, una parola infatti le accomuna: la Fede;  mentre Gesù cammina nelle storie e nelle vite per città e villaggi, una donna, l’emorroissa (condannata per legge a non essere toccata e non toccare nessuno) trasgredisce la legge e decide di toccare Cristo per dire a Dio e al mondo, “ci sono anche io!” Gesù stupisce tutti con la sua risposta: “figlia, la tua fede ti ha salvata” da esclusa a figlia amata da abbandonata e reietta a salvata!

La seconda storia è quella di un padre che disperato per la malattia della figlia si getta ai piedi di Cristo per chiedere che venga salvata, mentre fa ciò viene a sapere che la figlia è morta, tutti piangono ma Gesù fa la domanda più assurda: “perché piangete?” e dice al Padre non aver paura, soltanto abbi fede! Abbi fede perchè tua figlia dorme, dorme in attesa come tutti i nostri cari defunti, abbi fede nella risurrezione, abbi fede che la mano di Cristo afferri la tua per esclamarti: “Fanciulla Alzati!” Ma chi è Cristo?

Colui che mi prende per mano, la Sua mano nella mia, la Sua vita nella mia, la Sua forza nella mia debolezza, è Lui e solo Lui che mi può dire Alzati! E io e solo io che con la Sua mano posso alzarmi e riprendere il cammino, riprendere la vita!


Commento a cura di don Guido Santagata della Parrocchia Santa Maria Assunta-Duomo di Sant’Agata de’Goti (BN)

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 26 Giugno 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 27 Giugno 2021 – Padre Giulio Michelini