don Guido Santagata – Commento al Vangelo di domenica 23 Gennaio 2022

230

- Pubblicità -

Il Vangelo di questa Domenica ci dona la possibilità di riflettere e meditare sui primi momenti della vita pubblica di Gesù; Luca si rivolge a Teo-filo, all’amico di Dio, si rivolge a tutti gli amici di Dio, si rivolge a noi!

Ci presenta Gesù che si trova nella Sinagoga e legge il rotolo del profeta Isaia dove era scritto: “Lo Spirito del Signore mi ha mandato ai poveri, ai prigionieri, ai ciechi, agli oppressi.”

È la profezia del Suo mandato, è questo quello che Gesù è venuto a fare sulla terra, fa comprendere chiaramente che egli si schiera dalla parte degli ultimi, dei miseri, dei poveri; Cristo mette al centro l’umanità e i suoi bisogni, facendo comprendere al mondo il vero desiderio di Dio che vuole che tutti gli uomini siano liberi e salvi! È il sogno di Dio che Cristo viene a realizzare sulla terra, viene a donare speranza, amore, liberazione.

Gesù fa comprendere chiaramente a tutti che non siamo noi uomini a vivere per Dio ma è Dio stesso che ha scelto di crearci per vivere per noi! Qual è il vero senso della mia vita? Cristo nella scrittura ha trovato un orientamento per la sua vita terrena, qual è il mio orientamento?

“La Parola di Dio è lampada per i nostri passi luce sul nostro cammino…”


Commento a cura di don Guido Santagata della Parrocchia Santa Maria Assunta-Duomo di Sant’Agata de’Goti (BN)

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Gio Bianco – Commento al Vangelo del 23 Gennaio 2022
Articolo successivoFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 23 Gennaio 2022