don Giulio dal Maso – Commento al Vangelo di domenica 28 Febbraio 2021

123

Parroco presso S. Francesco Saverio. Altri incarichi: Segretario particolare dell’Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Foggia-Bovino.

Dalle tentazioni alla trasfigurazione, dal deserto alla cima di un monte, sofferenze e gloria…due facce della stessa medaglia. La sfolgorante luce di cui si riveste Cristo, non è altro che un “assist” alla debolezza della fede dei suoi, che presto lo vedranno sfigurato e umiliato, al punto da poter credere che Egli non sia Dio. Il giorno della Trasfigurazione diviene così un “elemento della memoria” antibiotico per i giorni bui…e noi, ne abbiamo di elementi della memoria utili per trarre forza nei nostri giorni oscuri?

Link al video

Articolo precedenteDon Luciano Condina – Commento al Vangelo del 28 Febbraio 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 28 Febbraio 2021 – p. Enzo Smriglio