don Giulio dal Maso – Commento al Vangelo di domenica 2 Maggio 2021

196

Parroco presso S. Francesco Saverio. Altri incarichi: Segretario particolare dell’Arcivescovo dell’Arcidiocesi di Foggia-Bovino.

L’immagine della vigna, tanto cara alla Sacra Scrittura, prima simbolo di Israele e poi dello stesso Messia, ci fa riflettere su un tema un po’ spinoso: nella vita bisogna saper tagliare e potare e non solo aggiungere. Rimuovere qualcosa non è necessariamente un’azione negativa, anzi, ma quanto è difficile…

Link al video

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 2 Maggio 2021 – Padre Giulio Michelini
Articolo successivodon Cristiano Marcucci – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2021