don Giovanni Berti (don Gioba) – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2022

104

- Pubblicità -

Loop evangelico

C’è un genere di film che amo molto ed è quello che gioca su un “loop temporale” (che tradotto più o meno è “anello temporale”). Si tratta di storie in cui i protagonisti si muovano su una linea temporale che si ripete in continuazione. Gli eventi, le situazioni, gli incontri ritornano in continuazione nel tempo che si riavvolge indietro. I protagonisti pian piano comprendono che le cose possono cambiare e giocano così a loro favore questa ripetizione. In un film di fantascienza di qualche anno fa, “Edge of Tomorrow”, un soldato che all’inizio è imbranato e pauroso, (interpretato da Tom Cruise) si ritrova costretto a combattere in una guerra mondiale contro terribili alieni che hanno invaso la Terra.

Ogni volta che rimane ucciso, per un prodigio straordinario, ritorna vivo all’inizio del giorno di battaglia e così impara a non ripetere gli errori, si allena e migliora grazie alla stranissima ripetizione. Questo lo porterà da solo a vincere la guerra e a portare la pace nel mondo.
Il racconto (che troviamo nell’ultimo capitolo del Vangelo di Giovanni) di questi apostoli che vanno a pescare e non trovano nulla, e la successiva pesca miracolosa seguendo le indicazioni di Gesù, dà davvero l’impressione di un “loop temporale” evangelico. Si ripetono infatti gli eventi che un altro evangelista, Luca, aveva narrato all’inizio del suo Vangelo, nel capitolo quinto, quando Gesù chiama Pietro e i suoi colleghi pescatori con una pesca miracolosa dopo una notte di lavoro fallimentare. Erano pescatori sfortunati prima e lo sembrano anche ora, dopo la morte e resurrezione di Gesù.

- Pubblicità -

Sembra davvero che la storia degli apostoli si ripeta senza miglioramenti, condannati a ripetere errori e sperimentare fallimenti. Anche la nostra storia umana di questi tempi, con gli orrori dell’ennesima guerra in Europa che tragicamente richiama l’inizio delle due ultime guerre mondiali, sembra intrappolare tutti noi in un “loop storico drammatico” che non ci dà scampo. E poi ognuno di noi, se guarda alla propria storia personale, vede continuamente il ripetersi di errori e sbagli che lo condizionano dentro eventi che si ripetono: una malattia che si ripresenta, un nuovo litigio e rottura con qualcuno dopo che c’era stata una riconciliazione, un nuovo tracollo delle proprie finanze dopo che ci si era risollevati…

Ma l’insegnamento di questa pagina di Vangelo è che con Gesù, dentro la nostra storia personale e mondiale, anche se gli eventi sembrano ripetersi senza evoluzione, in realtà possiamo sempre crescere e ritrovare la forza della vita che si rinnova. Gesù ai suoi amici fa sperimentare di nuovo che insieme a lui e mettendo in pratica le sue parole, vince la vita, l’abbondanza dell’amore riempie le reti dell’esistenza, e non si è schiacciati dai piccoli e grandi fallimenti che inevitabili si ripetono. Gesù risorto rende nuovo ogni giorno anche se questo sembra uguale al precedente, anche se noi stessi facciamo i conti con quello che siamo ogni giorno.
Una cosa sola ci viene chiesta perché il ripetersi della vita non scada nella noia, nel ripetersi stanco e nel fallimento, ed è rispondere alla stessa domanda che Gesù ha fatto a Pietro e che fa anche a me, a noi: “mi ami?”.

Pietro non risponde con la stessa parola “amore”, perché davvero è troppo grande e definitiva e lui rimane un piccolo uomo intrappolato nella sua storia. Pietro risponde con “ti voglio bene” che anche se è meno forte è pur sempre nella direzione dell’amore pieno.
A Gesù risorto basta questa risposta e gli dice con rinnovato entusiasmo ancora una volta “seguimi!”. E la storia di amicizia tra il Signore e Pietro si ripete, ma sempre nuova.


Fonte: il blog di don Giovanni Berti (“in arte don Gioba”)

- Pubblicità -

Articolo precedentemons. Giuseppe Mani – Commento al Vangelo di domenica 1 Maggio 2022
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2022