don Gianvito Sanfilippo – Commento al Vangelo del 2 luglio 2017

41

Nella XIII Domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci presenta il Vangelo in cui Gesù dice ai suoi discepoli che chi li accoglierà, accoglierà Lui stesso e Colui che lo ha mandato. Quindi aggiunge:

“Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto”. 

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””][powerpress][/box]

https://youtu.be/ODuojXXQSJg

Dio si è manifestato agli uomini inviando loro altri uomini: i profeti, come suoi ambasciatori per rivelare ciò che gli è gradito. Anche dopo la piena redenzione operata da Cristo, il Padre continua ad inviare apostoli in ogni generazione per proclamare le promesse divine, annunciare il Suo perdono e denunciare ciò che sembra bene, ma bene non è.

[ads2]Dio normalmente non ci abbaglia col suo splendore, ma si avvale di mediazioni umane che Egli stesso rende efficaci con la potenza dello Spirito Santo capace di trasformare le coscienze e aprire le porte della vita eterna già qui sulla terra. Noi corriamo il rischio di non riconoscere i suoi messaggeri, o di non prenderli sul serio perché annunciano la stoltezza della croce, oppure, vorremmo persone perfette dotate di chissà quali poteri. Ma il Signore ha voluto salvare il mondo e trasformare i cuori attraverso la debolezza della parola umana e la sofferenza dei veri apostoli.

Il Vangelo odierno ci avvisa: “Chi accoglie un profeta perché è un profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto perché è un giusto avrà la ricompensa del giusto”. Chiediamo al Signore la grazia di riconoscere i “suoi amici”, di ascoltarli e di obbedire loro, anche contro lo spirito del mondo, che talvolta pervade le nostre stesse famiglie, mascherato di buon senso.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 2 luglio 2017 anche qui.

XIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A

  • Colore liturgico: Bianco
  • 2 Re 4,8-11.14-16; Sal 88; Rm 6, 3-4. 8-11; Mt 10, 37-42

Mt 10, 37-42
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli: “Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me; chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me.
Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà.
Chi accoglie voi accoglie me, e chi accoglie me accoglie colui che mi ha mandato.
Chi accoglie un profeta come profeta, avrà la ricompensa del profeta, e chi accoglie un giusto come giusto, avrà la ricompensa del giusto.
E chi avrà dato anche solo un bicchiere di acqua fresca a uno di questi piccoli, perché è mio discepolo, in verità io vi dico: non perderà la sua ricompensa”.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 02 – 08 Luglio 2017
  • Tempo Ordinario XIII, Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo A | Salterio: sett. 1

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 2 luglio 2017 – don Giovanni Berti – Gioba
Articolo successivoCommento alle letture di domenica 2 luglio 2017 – don Enzo Pacini