don Gianvito Sanfilippo – Commento al Vangelo del 17 dicembre 2017

265

Nel Vangelo della III Domenica di Avvento (Gv 1,6-8.19-28) la liturgia ci presenta la testimonianza di Giovanni Battista che annuncia la venuta di Gesù Cristo.

https://youtu.be/fkcFxhQZF0U

Link al video

Giovanni Battista s’innalza anche in questa terza domenica come una delle figure chiave dell’Avvento. Cristo viene tra noi preceduto da una mediazione umana che ci aiuta a riconoscere le mancanze contro la carità e ricevere in cambio la pienezza del gaudio, dono del Signore.

Questo precursore fascia le piaghe dei cuori spezzati, libera gli schiavi, annuncia il tempo propizio alla conversione, ricolma di beni gli affamati che attendono il Salvatore e soccorre il popolo di Dio con la misericordia. Ma non tutti riconoscono Giovanni il Battista che di generazione in generazione svolge la sua importante missione assumendo volti e modalità diverse nella vita della Chiesa.

Spesso, infatti, lungo la sua storia Dio si è manifestato mediante ordini religiosi, movimenti laicali e comunità che riscoprono, ad esempio l’iniziazione cristiana, ma non sempre sono stati accolti, com’è accaduto al Battista. Non di rado c’è chi lo confonde con un folle che si agita nel deserto, chi lo ritiene un personaggio scomodo ed esagerato, o un ciarlatano. Ci vuole umiltà per sapersi distaccare dai propri schemi, riconoscere ed accogliere il regno di Dio che si presenta con modalità inaspettate.

Lo stesso è capitato anche a nostro Signore: della sua nascita si sono avveduti pochi pastori, tre saggi dal lontano oriente e Anna e Simeone nel Tempio.

[powerpress]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 17 dicembre 2017 anche qui.

III Domenica di Avvento – Anno B

[better-ads type=”banner” banner=”80570″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”center” show-caption=”1″][/better-ads]

Gv 1, 6-8. 19-28
Dal Vangelo secondo Giovanni

6Venne un uomo mandato da Dio: il suo nome era Giovanni. 7Egli venne come testimone per dare testimonianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui. 8Non era lui la luce, ma doveva dare testimonianza alla luce.

19Questa è la testimonianza di Giovanni, quando i Giudei gli inviarono da Gerusalemme sacerdoti e leviti a interrogarlo: «Tu, chi sei?». 20Egli confessò e non negò. Confessò: «Io non sono il Cristo». 21Allora gli chiesero: «Chi sei, dunque? Sei tu Elia?». «Non lo sono», disse. «Sei tu il profeta?». «No», rispose. 22Gli dissero allora: «Chi sei? Perché possiamo dare una risposta a coloro che ci hanno mandato. Che cosa dici di te stesso?». 23Rispose: «Io sono voce di uno che grida nel deserto: Rendete diritta la via del Signore, come disse il profeta Isaia». 24Quelli che erano stati inviati venivano dai farisei. 25Essi lo interrogarono e gli dissero: «Perché dunque tu battezzi, se non sei il Cristo, né Elia, né il profeta?». 26Giovanni rispose loro: «Io battezzo nell’acqua. In mezzo a voi sta uno che voi non conoscete, 27colui che viene dopo di me: a lui io non sono degno di slegare il laccio del sandalo». 28Questo avvenne in Betània, al di là del Giordano, dove Giovanni stava battezzando.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 17 – 23 Dicembre 2017
  • Tempo di Avvento III
  • Colore Viola
  • Lezionario: Ciclo B
  • Salterio: sett. 3

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO