don Gianvito Sanfilippo commenta il Vangelo del 6 novembre 2016

62

Nella 32.ma domenica del Tempo ordinario, la liturgia ci propone il Vangelo in cui Gesù risponde ai sadducèi che non credono nella risurrezione dei morti:

“Che … i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando dice: ‘Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe’. Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui”. 

Su questo brano evangelico ascoltiamo una breve riflessione di don Gianvito Sanfilippo, presbitero della diocesi di Roma:

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””][powerpress][/box]

https://youtu.be/J3Ka1uJqHY4

[ads2]“Abramo, Isacco e Giacobbe sono vivi!” proclama il Signore, esiste quindi la resurrezione dopo la morte, l’anima vive per sempre. Gesù Cristo con la sua Passione Morte e Risurrezione ci ha rivelato, inoltre, una delle Verità più sconvolgenti della persona umana: la Resurrezione corporea di ogni uomo. Quando tornerà il Signore glorificherà anche la nostra carne umiliata dalla malattia, dalla vecchiaia e dalla morte e il nostro destino eterno, paradiso o inferno, sarà col corpo.

Nel Simbolo apostolico, che sintetizza mirabilmente la fede della Chiesa, affermiamo solennemente “Credo nella resurrezione della carne”. Pertanto la stessa Chiesa, da sempre, ha visto nella sepoltura un segno più efficace dell’attesa cristiana della Risurrezione, piuttosto che la cremazione, consuetudine tipica del paganesimo. E pur ammettendo oggi la cremazione, qualora non ci sia un esplicito rifiuto di tale attesa, considera essere “l’inumazione la forma più idonea per esprimere la fede e la speranza nella risurrezione corporale”.

Le ceneri, però, non vanno disperse, o trattenute in casa, né trasformate in orridi monili, ma vanno tumulate nel cimitero: questo è il luogo adatto per intercedere per le anime del Purgatorio, fare memoria dei nostri cari e meditare, mentre invochiamo con perseveranza Maranathà: Vieni Signore!

VUOI ALTRI COMMENTI AL VANGELO?

XXXII Domenica del Tempo Ordinario – Anno C

[ads2]27Gli si avvicinarono alcuni sadducei – i quali dicono che non c’è risurrezione – e gli posero questa domanda: 28«Maestro, Mosé ci ha prescritto: Se muore il fratello di qualcuno che ha moglie, ma è senza figli, suo fratello prenda la moglie e dia una discendenza al proprio fratello. 29C’erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. 30Allora la prese il secondo 31e poi il terzo e così tutti e sette morirono senza lasciare figli. 32Da ultimo morì anche la donna. 33La donna dunque, alla risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l’hanno avuta in moglie». 34Gesù rispose loro: «I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; 35ma quelli che sono giudicati degni della vita futura e della risurrezione dai morti, non prendono né moglie né marito: 36infatti non possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, poiché sono figli della risurrezione, sono figli di Dio. 37Che poi i morti risorgano, lo ha indicato anche Mosé a proposito del roveto, quando dice: Il Signore è il Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe. 38Dio non è dei morti, ma dei viventi; perché tutti vivono per lui».

  • 06 – 12 Novembre 2016
  • Tempo Ordinario XXXII, Colore verde
  • Lezionario: Ciclo C | Anno II, Salterio: sett. 4

Fonte: LaSacraBibbia.net

Articolo precedenteVangelo di domenica 6 novembre 2016 – don Roberto Farruggio
Articolo successivoCommento al Vangelo del 6 Novembre 2016 – Ileana Mortari (Teologa)