don Gianmario Pagano – Commento al Vangelo del 10 Aprile 2022

79

- Pubblicità -

Il re cavalca un puledro: Gesù arriva a Gerusalemme

“Una domenica senza palme” non solo perché, ahimè, senza pace oggi in Europa, ma anche perché le palme e gli osanna non sono raccontati da Luca. Ciò invece su cui si concentra il Terzo Evangelista è la consapevolezza di Gesù, che affronta il momento decisivo della sua vita come una rivelazione messianica al mondo.

Le acclamazioni dei discepoli – “pace in cielo” – fanno da controcanto a quelle degli angeli del Natale – “pace in terra” – che annunciavano il compimento delle profezie e la venuta del Messia. Il re promesso cavalca un puledro e il suo arrivo a Gerusalemme è l’occasione data alla città per accoglierlo, affinché il mondo possa essere trasformato senza spargimento di sangue. Ma l’unico versato sarà il suo. Prevarrà il rifiuto. E Gesù sa anche questo. Ma sa anche che tutto ciò scatenerà un bene oltre ogni immaginazione.

Link al video

Se ti piacciono i suoi video e vuoi sostenere il suo progetto, iscriviti al suo canale e prendi in considerazione di fare una donazione, anche minima, qui: https://www.paypal.me/bellaprof

Sito web

Articolo precedentedon Marco Pozza – Commento al Vangelo di domenica 10 Aprile 2022
Articolo successivoMissionari della Via – Commento alle letture di domenica 10 Aprile 2022