don Gianmario Pagano – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2022

66

- Pubblicità -

Perché i discepoli non riconoscono (sempre) il Risorto?

Non sempre i discepoli, nonostante tanto tempo passato col Maestro, riconoscono Gesù dopo la sua Resurrezione. E da sempre gli interpreti dei Vangeli si domandano il perché. Le spiegazioni, più o meno convincenti, date nel corso del tempo, sono state tante. Ma il motivo più profondo va cercato nel fatto che in Gesù risorto non si manifesta solo un uomo tornato in vita…

Il riconoscimento, poi, ci ricorda Giovanni, non è un semplice atto della mente che ha come contenuto l’incontro con qualcuno già visto in precedenza, ma un movimento dell’anima che comporta un coinvolgimento di sé, fino a trovare il coraggio di guardarsi dentro. È come dire: se riconosci il Risorto, riconosci e accetti anche un nuovo senso per la tua esistenza. E forse anche per questo non è né facile né scontato.

Link al video

Se ti piacciono i suoi video e vuoi sostenere il suo progetto, iscriviti al suo canale e prendi in considerazione di fare una donazione, anche minima, qui: https://www.paypal.me/bellaprof

Sito web

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 30 Aprile 2022
Articolo successivomons. Vincenzo Paglia – Commento al Vangelo del 1 Maggio 2022