don Fulvio Capitani – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2021

30
don Fulvio Capitani
don Fulvio Capitani

Commento a cura di don Fulvio Capitani

Parroco di San Jacopo in Polverosa (Firenze)
Assistente della Sottozezione Unitalsi di Firenze Centro
Assistente Ecclesiatico Comunità Toscana Foulards Blancs


La vita ci sfugge, donandola superiamo la paura di perderla

Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. La vita di tutti noi, nello sforzo di tenerla stretta, ci sfugge e si perde nella morte. Gesù, invece, donando la vita in quanto autore di essa, proprio nel darla la rende sorgente che non si consuma mai.
E la stessa vita che continuamente viene donata e ricevuta nella Trinità, ed è la stessa che viene donata a noi.

Gesù risorto e vivo, è pastore, perché si prende cura noi, ci apre i pascoli della vita e ci salva dal male che è fuori e dentro di noi. Nel seguirlo e nell’ascoltare la sua voce possiamo anche noi passare dalla morte alla vita, fidandoci nel donare la vita superando la paura di perderla.

La fede in Gesù Risorto coinvolge anche noi, e in qualche maniera si estende a tutti gli uomini, in cui l’anelito di pienezza li fa aprire alla logica del dono che vince la morte. Come non pensare ai tanti uomini e donne (santi e giusti) che hanno donato la loro vita come Gesù.

Don Fulvio Capitani

Articolo precedenteDave Hach – Commento al Vangelo del 25 Aprile 2021
Articolo successivoCommento al Vangelo del 25 Aprile 2021 (Rito Ambrosiano e Romano) – don Michele Cerutti