don Fulvio Capitani – Commento al Vangelo del 24 Gennaio 2021

65

Commento a cura di don Fulvio Capitani

Parroco di San Jacopo in Polverosa (Firenze)
Assistente della Sottozezione Unitalsi di Firenze Centro
Assistente Ecclesiatico Comunità Toscana Foulards Blancs


Diventare pescatori nel mare vasto e sconosciuto dell’umanità

«Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini. E subito lasciarono le reti e lo seguirono». Mi sfugge ogni volta il senso di questo «diventare pescatori di uomini».

Le spiegazioni che mi do mi sembrano sempre non cogliere l’essenza delle parole di Gesù che hanno cambiato e stravolto la vita dei primi discepoli. Ma in fondo non si tratta di un iniziare da capo in ogni discepolo di ieri e di oggi? Un diventare che non è già stabilito o già dato, ma che apre un divenire nell’oggi gravido di futuro.

Gettare reti è nelle mani dei discepoli ma il mare dell’umanità è vasto e sconosciuto. Stare dietro a Gesù è l’unico modo per navigare questo mare. Nel mare dell’umanità essere pescatori insieme a Gesù, può significare tessere e riparare reti di relazioni e di storie in cui essere raggiunti dal Vangelo, e vivere insieme da uomini e donne che portano nel cuore il Regno di Dio.

Il regno è una rete che si tesse di fiducia, rispetto e testimonianza.

Articolo precedenteDossier Catechista – Commento al Vangelo per bambini e ragazzi del 24 Gennaio 2021
Articolo successivodon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 23 Gennaio 2021