don Fulvio Capitani – Commento al Vangelo del 18 Aprile 2021

147
don Fulvio Capitani
don Fulvio Capitani

Commento a cura di don Fulvio Capitani

Parroco di San Jacopo in Polverosa (Firenze)
Assistente della Sottozezione Unitalsi di Firenze Centro
Assistente Ecclesiatico Comunità Toscana Foulards Blancs


Chiamati a essere testimoni, un compito non facile nel mondo in cui viviamo

Così sta scritto: il Cristo patirà e risorgerà dai morti il terzo giorno, e suo nome saranno predicati a tutti i popoli la conversione e il
perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni».

Sembra una frase unica ma parla di due cose, la prima riguarda l’evento pasquale di Gesù, la seconda la predicazione a tutti i popoli da parte dei discepoli. Sono unite dall’unica volontà del Padre, il quale «ha tanto amato il mondo da mandare il suo Figlio Unigenito». Della predicazione i discepoli non sono gli artefici ma i testimoni. E comunque il Signore che agisce nei discepoli e attraverso di loro fino a poter dire insieme a san Paolo: «non sono più io che vivo ma è Cristo che vive in me».

Anche noi discepoli di oggi siamo chiamati a essere «testimoni» della presenza e dell’azione di Gesù. Una testimonianza non facile a causa delle divisioni interne e dell’ estrema labilità dei rapporti e del pensiero nel mondo in cui viviamo. Gesù comunque continua ad agire e a chiamare alla conversione e alla riconciliazione con Dio e con gli altri.

Don Fulvio Capitani

Articolo precedentedon Gio Bianco – Commento al Vangelo del 18 Aprile 2021
Articolo successivoCatechisti Parrocchiali – Commento al Vangelo del 18 Aprile 2021 per bambini e ragazzi