don Fulvio Capitani – Commento al Vangelo del 13 Marzo 2022

99

- Pubblicità -

Commento a cura di don Fulvio Capitani

Parroco di San Jacopo in Polverosa (Firenze)
Assistente della Sottozezione Unitalsi di Firenze Centro
Assistente Ecclesiatico Comunità Toscana Foulards Blancs


I momenti luminosi con Gesù e la fede «ordinaria» di tutti giorni

«D’eletto; ascoltatelo!”. Appena la voce cessò, restò Gesù solo». La luminosa gloria di Gesù entusiasma e intimorisce, i discepoli odono della voce del Padre che indica Gesù come sua Parola definitiva. Anche noi discepoli è data un’esperienza luminosa e profonda della fede: momenti con Gesù e la sua parola.

Dopo questi momenti, i discepoli e anche noi ci ritroviamo con “solo Gesù” e la sua umanità, immersi nell’ordinario, nelle contraddizioni delle nostre incapacità e del silenzio anche verso di Lui. Allora la fede non ha più entusiasmi, né esperienze che ci riempiono di consolazioni, in essa vi è solo Gesù con la sua Parola e i segni a volte faticosi della sua presenza.

Nella vita oltre i pochi momenti di «grazia», vi è la fede di tutti i giorni, ordinaria e poco esaltante, l’essenziale tuttavia è che con noi c’è Gesù, che seguiamo, a volte con sforzo, nel suo «esodo» dalla morte alla vita.

Don Fulvio Capitani

Articolo precedenteFamiglia, Sogno di Dio – Commento al Vangelo per bambini/ragazzi di domenica 13 Marzo 2022
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 13 Marzo 2022 – Comunità Kairos