don Fulvio Capitani – Commento al Vangelo del 11 Luglio 2021

58

Commento a cura di don Fulvio Capitani

Parroco di San Jacopo in Polverosa (Firenze)
Assistente della Sottozezione Unitalsi di Firenze Centro
Assistente Ecclesiatico Comunità Toscana Foulards Blancs


Di casa in casa, a due a due: l’annuncio del Vangelo avviene nella fraternità

Gesù chiamò a sé i Dodici e prese a mandarli a due a due. E diceva loro: “Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finché non sarete partiti di lì”».

Di casa in casa a due a due. È un mandato di Gesù che in qualche modo è diventato prassi di tanti predicatori delle varie confessioni cristiane. Alcuni sono diventati famosi nel suonare ai campanelli alle ore più improbabili. Anche la secolare prassi della «benedizione delle case», aveva il carattere di annuncio e di conversione legato alla Pasqua o in alcune zone al Natale.

La pandemia ha messo fortemente in crisi queste prassi. Ma oltre le prassi, vi è nel mandato di Gesù qualcosa di più profondo e vero: l’annuncio del Vangelo non è opera di singoli «piazzisti» che vendono la fede come un prodotto, è opera di fraternità vissuta e condivisa e ha come luogo la realtà nelle relazioni quotidiane e familiari.

Il suo senso è creare relazioni, libere, povere e rispettose, che portano la potenza liberatrice e guaritrice del Vangelo stesso.

Don Fulvio Capitani

Articolo precedenteServizio della Parola – Breve commento alle letture del 11 Luglio 2021
Articolo successivodon Massimiliano Scalici – Commento al Vangelo del 11 Luglio 2021