don Francesco Cosentino – Commento al Vangelo di domenica 7 Novembre 2021

55

A scuola, da una povera vedova

Nel Tempio di Gerusalemme, luogo sacro e di culto, Gesù osserva gli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, essere riveriti, pregare per farsi vedere, sfruttare la loro posizione per opprimere i poveri. Sono il contrario dell’autentico culto da rendere a Dio.

Poi, però, i suoi occhi sempre attenti, teneri, rivolti alle piccole cose, scorgono un’altra scena: una povera vedova che, nel tesoro del Tempio, getta tutto il poco che ha.

Lei è maestra e modello di fede, perché dona se stessa e tutta la sua vita, nel silenzio e nell’anonimato. Gesù ce la consegna: una maestra da cui tutti dobbiamo imparare.


Link al video

Articolo precedenteDon Luciano Labanca – Commento al Vangelo del 7 Novembre 2021
Articolo successivoTG1 Dialogo: Papa Francesco con i poveri ad Assisi