don Francesco Cosentino – Commento al Vangelo di domenica 7 Marzo 2021

163

Dio non si lascia comprare

Nel Tempio di Gerusalemme, un Gesù indignato scaccia i venditori e i loro animali, rovesciando i tavoli dei cambiamonete. Immagine eloquente: Egli rovescia i criteri religiosi della relazione con Dio, per inaugurare una nuova relazione con Dio.

Dice no alla religione che diventa mercato, quando con Dio facciamo la compravendita e pensiamo che qualche preghiera, atto o sacrificio in più ci meritano il suo favore o la sua protezione. Dio non si merita, non si lascia comprare. Egli è amore gratuito e totale.


Link al video

Articolo precedentedon Marco Pozza – Commento al Vangelo di domenica 7 Marzo 2021
Articolo successivoS.E.R. Mons. Andrea Turazzi – Commento al Vangelo di domenica 7 Marzo 2021