don Francesco Cosentino – Commento al Vangelo di domenica 5 Aprile 2020

32

Anche oggi Gesù entra nelle nostre città, percorre le nostre stesse strade e soprattutto condivide la nostra stessa sofferenza. Per ricordarci che ogni croce e’ come la Sua: una “collocazione provvisoria da mezzogiorno alle tre del pomeriggio” (Tonino Bello)

Link al video

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 5 Aprile 2020 – S.E. Mons. Mario Russotto
Articolo successivodon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 5 Aprile 2020