don Francesco Cosentino – Commento al Vangelo di domenica 31 Maggio 2020

37

Lo Spirito Santo ricorda l’amore di Dio, vince la paura, ci fa missionari dell’amore

Gesù effonde lo Spirito “mostrando le ferite” e venendo “a porte chiuse”. Le ferite, segno del Suo amore per noi; le porte chiuse, segno della paura. Lo Spirito Santo e’ la Sua presenza in noi, che ci ricorda quanto siamo amati e ci rende capaci di vincere paure e chiusure.


Fonte

Articolo precedentedon Guido Santagata – Commento al Vangelo di domenica 31 Maggio 2020
Articolo successivoCommento al Vangelo del 31 Maggio 2020 – mons. Claudio Maniago