don Francesco Cosentino – Commento al Vangelo di domenica 24 Ottobre 2021

49

Guariti da ogni cecità, per essere strumenti di luce

Mentre Gesù cammina, con una grande folla attorno, un cieco di nome Bartimeo, seduto ai margini della strada, lo chiama, gridando il proprio dolore. E’ il nostro grido, quando siamo seduti ai margini della vita perché siamo diventati ciechi e non riusciamo più a vedere la strada, la bellezza della vita, la felicità, la scelta migliore da fare. Ed è il grido, a volte silenzioso, di tanti nostri fratelli che vivono ai margini, per diverse ragioni.

Gesù passa, si ferma, guarisce la nostra cecità; ma ci chiede di non soffocare il grido dei fratelli e di essere noi, per loro, strumenti di luce. Perché vinta ogni cecità, ritorniamo a vedere davvero.


Link al video

Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 24 Ottobre 2021 – p. Alessandro Cortesi op
Articolo successivodon Massimiliano Scalici – Commento al Vangelo del 24 Ottobre 2021