don Francesco Cosentino – Commento al Vangelo di domenica 2 Maggio 2021

165

Rimanere, non fuggire: i legami che danno linfa alla vita

Come la vite e i tralci: così, in Gesù, Dio si è legato a noi e vuole esserci familiare. Proprio come familiare, quasi in ogni casa, era la pianta della vite. Se spezzi questo legame, rimani arido e senza frutto. Vale anche per i legami della nostra vita: l’invito di Gesù è rimanere. Noi, quando le cose non vanno, siamo tentati di scappare. Ma solo se “rimaniamo” nell’amore, costi quel che costi, la vita porterà frutto.


Link al video

Articolo precedentep. Gaetano Piccolo S.I. – Commento al Vangelo di domenica 2 Maggio 2021
Articolo successivoPadre Giancarlo Paris – Commento al Vangelo del 2 Maggio 2021