don Francesco Cosentino – Commento al Vangelo di domenica 18 Ottobre 2020

34

Non sei di Cesare, ma appartieni a Dio

Tendono una trappola a Gesù, ma Lui scardina l’ipocrisia e sposta la discussione altrove: il problema non è’ l’uso dei soldi e delle cose, ma sapere che non appartieni a essi. Tu sei una moneta su cui è’ impressa l’immagine di Dio.

Non sei di nessun Cesare e non devi diventare schiavo di niente e di nessuno. Usa tutte le cose, ma restituisci a Dio la tua vita. E’ l’unico modo per difenderne la bellezza.


Link al video
Articolo precedenteCommento al Vangelo di domenica 18 Ottobre 2020– mons. Giuseppe Mani
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 18 Ottobre 2020 – p. Alessandro Cortesi op