don Fabio Rosini – Commento al Vangelo di domenica 7 Giugno 2020

528

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 7 Giugno 2020, da Radio Vaticana (per il file audio) e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

Una vera vita da figli di Dio nostro Padre

Nella prima lettura della festa della Santissima Trinità si ascolta la proclamazione del nome del Signore, e in quel nome c’è nascosta la Sua misericordia. Il Vangelo apre uno squarcio luminoso sulla vita stessa di Dio che si manifesta come amore sconfinato che salva, ma credere nel nome dell’unigenito Figlio di Dio è decisivo. Ma quanto è importante questo nome? A noi un nome sembra solo una parola che fa da codice di riconoscimento di qualcosa. Ma nelle Scritture è ben altro: il nome è il segreto, la verità di qualcuno, e conoscere il nome di una persona vuole dire avere esperienza di lui, in certo senso vuol dire aver un contatto autentico con la sua realtà. Conoscere il nome di Dio non è un’informazione in più; infatti coloro che conoscono il nome di Dio hanno un cambio radicale di esistenza. Uno su tutti: Mosè al roveto ardente riceve la rivelazione del Nome e tutta la sua vita ne è stravolta.

Perché questo? Perché sapere il nome di Dio vuol dire aver capito veramente Chi Lui sia. E questo è decisivo, se si pensa che il racconto della caduta di Genesi 3 parte dalla denigrazione dell’immagine di Dio nel cuore di Eva. Lei cade nell’assurdo dopo aver pensato che Dio è assurdo e cattivo. Per distruggere l’uomo basta devastare Dio nel suo cuore, ossia mettere nel suo animo un nome falso di Dio. Se Dio non è Padre, allora cosa è? Se non è tenerezza, che cosa resta? Se Dio non mi vuol bene incondizionatamente, allora in fondo sono solo, mi devo meritare il diritto di esistere e sopravvivo sulle mie forze. Un’esistenza insicura derivata da un’immagine di Dio estranea all’amore.

Nell’ultima parte del secolo scorso un’intera generazione è fuggita dalla Chiesa perché Dio gli era stato presentato per molto tempo come moralista e castrante, e a un dato momento è iniziata un’irreversibile scristianizzazione, perché non valeva più la pena di stare dalle parti di un dio così antipatico, così minuscolo. È un processo tutt’ora in atto.

LA FUGA DEGLI ADOLESCENTI […]

Continua a leggere il commento su Famiglia Cristiana

Link al video

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica
di don Fabio Rosini