don Fabio Rosini – Commento al Vangelo di domenica 13 Settembre 2020

518

Il biblista don Fabio Rosini commenta il Vangelo di domenica 13 Settembre 2020, da Radio Vaticana (per il file audio) e dalle pagine di Famiglia Cristiana.

Link al video

Qui tutti i commenti al Vangelo della domenica di don Fabio Rosini


Come non avere più conti in sospeso

La parabola del Vangelo di questa domenica è innescata dalla domanda di Pietro: «Se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». Gesù risponde: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette», ossia: sempre. E arriva la nostra parabola, che ci deve aiutare a capire come perdonare in tal modo.

Nella parabola c’è un servo, appena sollevato dal re da un debito esorbitante che prende per il collo un collega che gli deve una piccola somma. Costui sembra così cattivo da essere caricaturale.

La domanda è: come è possibile che un uomo a cui è stato condonato tanto sia così feroce con chi gli deve tanto di meno? Cerchiamo di capire da dove nasce il suo atteggiamento: al re della parabola questo uomo deve diecimila talenti. Un debito mostruoso se si pensa che un talento, al tempo di Gesù, valeva una trentina di chili d’oro! Più di cinquecento milioni di euro in valuta odierna… una mostruosità.

Ci sarebbe da capire come si sia creata tale situazione, ma va notata la risposta del debitore: «Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa». Questo è più assurdo del debito: l’idea di poterlo pagare. Il servo non dice «restituirò quel che posso», ma «restituirò ogni cosa». Questo è impossibile, il debito è troppo grande, ma ciò che è più grottesco è l’inizio della frase: «Abbi pazienza con me e restituirò». Allora per il servo il problema non è la cifra, ma la pazienza del re: se concederà una dilazione la cosa si risolverà, c’è solo da aspettare e i soldi arriveranno, per intero. Costui pensa di aver solo bisogno di tempo, non si sente veramente in debito. La prassi di aiutare i debitori cronici insegna che proprio questa è la loro mentalità: non hanno debiti veri, serve solo un po’ di pazienza, questo è solo un momento difficile, passerà, un po’ di calma, e tutto si risolve. Quando i debitori ragionano così sono irrecuperabili, hanno sviluppato un atteggiamento irrisolvibile da vittime – la responsabilità è sempre di qualcun altro e il problema è negato. […]

Continua a leggere su Famiglia Cristiana