Diocesi di Concordia-Pordenone – Commento Missionario al Vangelo di domenica 15 Marzo 2020

4

L’acqua viva è dentro di te

Con l’acqua dell’accoglienza dentro

Avevamo camminato tutto il giorno. Il caldo Brasiliano del mese di  gennaio  era   insopportabile.   Passavamo    di casa in casa per visitare le famiglie più povere,   fare   una    preghiera    insieme e raccogliere le varie necessità. Ero stanca, camminando lentamente per raggiungere la casa successiva, una piccola baracca fatiscente. Mario era seduto fuori, sul marciapiede. Non aveva la maglietta e questo mostrava la sua magrezza e il logorio dell’età. Non mi sentivo sicura ad avvicinarlo da sola, non capivo se fosse sobrio. Sono passata oltre studiandolo un po’, poi ho vinto la paura e mi sono avvicinata. Mario stava leggendo la Bibbia, non me n’ero accorta. Mi ha raccontato la sua storia: povertà, droga, qualche furto, la prigione  dove  ha incontrato la Parola.

“Oggi è lei  che mi guida” – dice Mario. “Sono fragile e cado ancora in tante cose sbagliate, ma la Parola è la mia luce, è lei che mi dà la forza di accogliere chi è più povero di me”. E di fatto Mario accoglie. Accoglie tutti! Soprattutto quelli che nessuno accoglie e condivide il poco che ha. In quel momento stava accogliendo nella sua casa una ragazza con problemi mentali che nessuno voleva in paese. La mezz’ora passata con lui mi ha fatto capire che Dio abita in noi, non solo nei belli, nei buoni, nei giusti, ma in tutti. Mario ha incontrato questa presenza dentro di lui, che non gli ha tolto le imperfezioni frutto della sua storia complessa e dura, ma l’ha fatto peccatore riconciliato capace di amare alla maniera di Gesù. Grazie Mario, santo della periferia.

Per riflettere

  • Ho sete? Di cosa?
  • Il mondo di cosa ha sete?
  • Come mi sento chiamato a portare acqua viva in questo mondo?

La Preghiera

Dammi da bere, Gesù, perché ho sete.
In tanti mi hanno offerto acqua,
ma non mi hanno dissetato.
Sono stato ospite di tanti cuori,
ma ancora non ho trovato  casa.
Dammi da bere Gesù,
la tua acqua, anzi no, la mia,
quell’acqua che tu hai detto essere sorgiva in me.
Indicami il cammino
che devo percorrere dentro me stesso,
per raggiungere quell’acqua
che zampilla per la mia felicità.
Vieni con me in questo cammino
perché ho paura di perdermi dietro
a pozzanghere mascherate da sorgenti.
Dammi da bere, perché non abbia
più sete di abbracci e carezze
che mi rendono dipendente e infelice.
Dammi acqua viva Gesù,
perché ne abbia per me e per chi
incontro nel cammino e ha sete.


Carissimo lettore, queste schede sono state pensate per te, con l’obiettivo di riflettere insieme, sulla missione di Gesù, a partire dai testi biblici che la quaresima ci offre. Gesù è il missionario per eccellenza, da lui e per lui nasce ogni azione e spinta missionaria, da lui nasce il desiderio che il suo Regno sia diffuso nel mondo, da lui nasce il desiderio di coinvolgerci tutti in questa opera di umanizzazione dell’uomo.
Questo strumento ci viene incontro per vivere, in modo semplice e diffusivo, una quaresima più missionaria. Lo potrai usare in modo personale ma anche in famiglia, creando momenti di preghiera con i tuoi cari.

Testi liberamente tratti dal sussidio missionario della Diocesi di Concordia-Pordenone