Commento al Vangelo del 12 ottobre 2014 – don Mauro Manzoni

305

La Parola di Dio“, canale YouTube del prolifico Don Mauro di graficapastorale.it, propone una riflessione sul brano del Vangelo di domenica prossima, XXVIII Domenica del Tempo Ordinario – Anno A.

Chi desidera automaticamente avere il testo delle riflessioni, mandi il proprio indirizzo email a [email protected] che lo spedirà ogni settimana.

[ads2]

Nelle ultime tre domeniche il Signore ci ha inviato a lavorare nella sua vigna. Ha invitato tutti e ciascuno di noi. Ci ha mandati a faticare e sgobbare per portare frutti buoni e saporiti, al di là delle nostre risposte più o meno negative e contrarie.
Oggi, lo stesso Signore, ci invita invece a far festa e a rinvigorire la gioia della nostra presenza al banchetto che Lui stesso ha preparato e imbandito. Ma anche stavolta lo attende una delusione e un fallimento. “Venite alle nozze”, dicono i servi agli invitati. “Ma costoro – continua il Vangelo – non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari”. E allora il Signore – questo è lo stile di Dio – mandò i servi a raccogliere quanti incontravano, “buoni e cattivi”, finchè la sala si riempì di commensali.
A Dio non interessa quello che siamo, purchè presenti e partecipi. La sua chiamata è per tutti e chiunque viene è accolto con amore, non importa se ha meriti o è a posto in coscienza o è buono e santo. Dio non fa privilegi e favori, non compie emarginazioni e ghettizzazioni. Dio accoglie. Cattivi e buoni
Quel che conta è la “veste nuziale”, la disponibilità ad essere perdonato e le mani vuote per ricevere la presenza del Signore.[divider]

Mt 22, 1-14
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù, riprese a parlare con parabole [ai capi dei sacerdoti e ai farisei] e disse:
«Il regno dei cieli è simile a un re, che fece una festa di nozze per suo figlio. Egli mandò i suoi servi a chiamare gli invitati alle nozze, ma questi non volevano venire.
Mandò di nuovo altri servi con quest’ordine: Dite agli invitati: “Ecco, ho preparato il mio pranzo; i miei buoi e gli animali ingrassati sono già uccisi e tutto è pronto; venite alle nozze!”. Ma quelli non se ne curarono e andarono chi al proprio campo, chi ai propri affari; altri poi presero i suoi servi, li insultarono e li uccisero. Allora il re si indignò: mandò le sue truppe, fece uccidere quegli assassini e diede alle fiamme la loro città.
Poi disse ai suoi servi: “La festa di nozze è pronta, ma gli invitati non erano degni; andate ora ai crocicchi delle strade e tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze”. Usciti per le strade, quei servi radunarono tutti quelli che trovarono, cattivi e buoni, e la sala delle nozze si riempì di commensali.
Il re entrò per vedere i commensali e lì scorse un uomo che non indossava l’abito nuziale. Gli disse: “Amico, come mai sei entrato qui senza l’abito nuziale?”. Quello ammutolì. Allora il re ordinò ai servi: “Legatelo mani e piedi e gettatelo fuori nelle tenebre; là sarà pianto e stridore di denti”.
Perché molti sono chiamati, ma pochi eletti».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.